BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

GIANNI LETTIERI/ Napoli, aggredito il candidato sindaco del Pdl

Napoli è stato aggredito il candidato sindaco del Pdl. Due suoi sostenitori di 20 anni sono rimasti feriti nell’irruzione di un gruppo di studenti in un comitato elettorale.

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

A Napoli è stato aggredito il candidato sindaco del Pdl. Due suoi sostenitori di 20 anni sono rimasti feriti nell’irruzione di un gruppo di studenti in un comitato elettorale.

Il candidato sindaco di Napoli del Pdl, Gianni Lettieri, è stato aggredito, questa mattina, assieme ad alcuni membri del suo staff,  a Piazza San Gaetano, in pieno centro storico. Il gruppo è stato attaccato con insulti, sputi e spintoni. I dissidenti, che hanno, tra le altre cose, strappato le bandiere del candidato e distrutto i suoi cartelli elettorali, si sono dispersi prima dell’arrivo delle forze dell’ordine. Il candidato alla poltrona di primo cittadino si stava aggirando per le vie del centro per la campagna elettorale. Sembra che l’episodio potrebbe essere collegato alla rissa che si era scatenata poco prima, nelle vicinanze della facoltà di Lettere, tra i collettivi antifascisti e i membri del centro sociale di destra Casapound. Come se non bastasse, intorno alle 15, alcuni studenti, che non sono ancora stati identificati, hanno fatto irruzione in un comitato elettorale del Pdl in sostegno del candidato sindaco, in piazza Bovio, mandando tutto all’aria. I facinorosi hanno mandato all’aria sedie e tavolini e distrutto i manifesti elettorali. Due sostenitori di Lettieri, un  ragazzo e una ragazza di 20 anni, volontari che distribuivano volantini, sono rimasti feriti.