BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEDIATRADE/ Chiesto il rinvio a giudizio per Berlusconi. I Pm: “Ha commesso reati anche da premier”

Pubblicazione:lunedì 4 aprile 2011

Foto Ansa Foto Ansa

CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER BERLUSCONI - E’ stato chiesto, nell’ambito dell'udienza preliminare per il procedimento Mediatrade, il rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi e altri 11 imputati.

I pm Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro hanno chiesto che Silvio Berlusconi venga processato. Di fronte al Gup del tribunale di Milano, Maria Vicidomini, i pm hanno mosso la richiesta accusando il premier di frode fiscale e appropriazione indebita nell'ambito del procedimento «Mediatrade» su presunte irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi Mediaset. Chiesto il rinvio per gli altri 11 imputati, tra cui Pierlsilvio Berlusconi e Fedele Confalonieri.

Secondo i magistrati, Berlusconi figurerebbe come socio occulto di Frank Farouk Agrama, produttore americano di origine egiziana e sarebbe colpevole dei reati contestatigli anche nel periodo in cui è stato premer. E’, infatti, accusato di appropriazione indebita fino 2006 e di frode fiscale fino al 2008. In base alle accuse, dalla fine degli anni ’80 sarebbe stato messo in piedi un sistema di frode fiscale per gonfiare  i costi dei diritti televisivi mentre il denaro veniva fatto transitare su società di comodo riconducili ad Agrama, che la Procura ritiene socio occulto del capo del governo. I diritti in sovrapprezzo, poi, sarebbe stati acquistati con i soldi di Publitalia.


  PAG. SUCC. >