BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SANTO DEL GIORNO/ 13 maggio 2011: Beata Vergine Maria di Fatima

Pubblicazione:venerdì 13 maggio 2011

La Madonna Sistina di Raffaello La Madonna Sistina di Raffaello

La Vergine di Fatima nella seconda apparizione fece vedere ai tre pastorelli l’inferno, con le anime peccatrici condannate e trasmise loro i tre messaggi basilari con la consegna di mantenerne il segreto. Lucia per obbedienza avrebbe poi svelato nel 1941 le prime due parti, che riguardano “La salvezza delle anime” e “La devozione al Cuore Immacolato di Maria”, mentre la terza parte rimase segreta per 83 anni, fu rivelata solo ai papi, finché nel 2000 è stato rivelato dalla Chiesa  il ‘Terzo Segreto di Fatima’.
I tre pastorelli dovettero sopportare molte difficoltà, per lo scetticismo della gente e subirono per questo molte sgridate. Finché ci fu il miracolo operato dalla Madonna, durante l’apparizione che viene considerata la più importante del 13 ottobre 1917, durante la quale il sole “ballò” in cielo e tutti i presenti accorsi sul luogo si trovarono i vestiti asciutti dopo un forte nubifragio.
Il messaggio che arrivò attraverso i tre pastorelli a tutta l’umanità fu la necessità della penitenza, della recita del Rosario e della conversione al Cuore di Maria.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
13/05/2011 - I peccatori (luisella martin)

La Madonna chiede di pregare per i peccatori, ma chi sono i peccatori? Che differenza c'é tra un marito che tradisce la moglie, che mente sistematicamente a due donne e l'orco cattivo, il mostro che ha ucciso la povera Melania? Per tutti noi la differenza é moltissima...Sembriamo certi che la Madonna, quando parla dei peccatori, non parli mai di noi, gente comune, ma si preoccupi degli assassini, dei bruti e basta! Io credo invece che un piccolo male nascosto, generi un male più grande e, se continuiamo a permettercelo nascondendolo, un male ancora più grande...fino ad arrivare anche all'indifferenza, al ricatto, alla violenza verbale, all'omicidio morale e a quello fisico! Per questo ringrazio Dio del dono della fede, che non mi ripara dal peccare, ma mi fa riflettere sulle sue conseguenze!