BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SANTO DEL GIORNO/ 19 maggio 2011: san Celestino V Papa

Si celebra oggi come santo del giorno Celestino V, Pietro da Morrone, noto per la descrizione che ne fa Dante nella Divina Commedia come “colui che per viltade fece il gran rifiuto”

Tutti i Santi Tutti i Santi

Santo del giorno 19 maggio 2011: san Celestino V Papa - Si celebra oggi come santo del giorno Celestino V, Pietro da Morrone, noto per la descrizione che ne fa Dante nella Divina Commedia come “colui che per viltade fece il gran rifiuto”. Celestino V, infatti, rinunciò al pontificato nel momento in cui si rese conto di essere diventato strumento di manovre politiche e di potere di altri.
San Celestino V si chiamava Pietro Angeleri ed era nato verso il 1215 a Isernia (Campobasso) da una famiglia di modesti contadini; era il penultimo di dodici figli. Fu la madre, vedova, ad avviarlo agli studi ecclesiastici. San Celestino V capì che la sua vera vocazione era la scelta di vita monastica, per questo a vent'anni Pietro si fece benedettino a Faifoli (Benevento). In seguito si ritirò in una grotta come eredita, dove condusse una vita di digiuni e preghiere. Dopo tre anni fu ordinato sacerdote a Roma.
Diede poi vita all’Ordine dei “Fratelli dello Spirito Santo” (denominati poi “Celestini”), approvato da Urbano IV, e fondò vari eremi.
La sua elezione a papa, tra racconto storico e leggenda, è molto strana: in un momento di forti conflitti tra le famiglie della corte romana, che premevano per eleggere un proprio rappresentante al soglio pontificio, il re di Napoli, dopo aver parlato con i cardinali riuniti in conclave si recò a Sulmona dove concesse dei privilegi ai Fratelli dello Spirito Santo. Poco dopo lo stesso Pietro da Morrone  scrisse una lettera al cardinale Latino in cui minacciava terribili castighi da parte di Dio se, entro quattro mesi, il sacro Collegio non avesse eletto il papa. San Celestino era molto noto come eremita e taumaturgo, ma nessuno l’aveva visto. Convinti che fosse la persona più adatta a governare la Chiesa, su proposta del cardinal Latino gli diedero il voto.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SU SAN GIUSEPPE LAVORATORE SANTO DI OGGI  19 MAGGIO 2011