BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

SHOCK EMOTIVO/ In coma dopo aver reincontrato il padre che non vede da anni

Un ragazzino di 13 anni non vedeva il padre da quando ne aveva quattro e, quando se lo è trovato di fronte, lo shock emotivo lo ha fatto andare in coma

Il 13enne è stato ricoverato d'urgenzaIl 13enne è stato ricoverato d'urgenza

Un ragazzino di 13 anni non vedeva il padre da quando ne aveva quattro e, quando se lo è trovato di fronte, lo shock emotivo lo ha fatto andare in coma. Per due giorni è rimasto in stato d’incoscienza, e tutt’ora è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Gaslini di Genova, dove era giunto in elicottero da Savona

CONVULSIONI E ARRESTO CARDIACO - Trovatosi di fronte al padre dopo nove anni che non lo vedeva, il ragazzino è stato preso da convulsioni, tanto da fare pensare in un primo momento a una crisi epilettica. Subito dopo ha riportato arresto cardiaco, e al padre Wali Ndiaye non è rimasto che portare M.H. al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Savona. Quando le condizioni del ragazzino si sono aggravate, i medici hanno deciso di elitrasportarlo nel reparto di rianimazione dell’ospedale Gaslini. L’equipe che lo ha in cura spiega che la causa del grave malore è stato l’impatto emotivo per il ricongiungimento con il padre che non vedeva più da quando aveva quattro anni.

DAL SENEGAL ALL’ITALIA - Il padre infatti è un immigrato senegalese che lavora in Italia, e finalmente nei giorni scorsi la famiglia era riuscita a ricongiungersi. Wali Ndiaye vive a Savona, dove è riuscito a integrarsi, trovare un lavoro e imparare molto bene l’italiano. E’ stato lo stesso padre a raccontare ai medici la dinamica dell’incidente. Il professor Amnon Cohen, direttore della struttura di pediatria del San Paolo, ha dichiarato a Il Secolo XIX che «per fortuna tutto è finito per il meglio, il ragazzino non è più intubato, ed è uscito dal reparto di rianimazione dell’ospedale Gaslini dove era stato trasportato d’urgenza con l’elicottero». Il direttore di pediatria ha visitato il piccolo M.H. e spiega che l’arresto cardiaco è stato dovuto a una forma di shock piuttosto rara.