BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SHOCK EMOTIVO/ In coma dopo aver reincontrato il padre che non vede da anni

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Il 13enne è stato ricoverato d'urgenza  Il 13enne è stato ricoverato d'urgenza

«Non è una causa frequente, è un fatto raro che può succedere – osserva Amnon Cohen -. L’arresto cardiaco può essere legato ad un forte impatto emotivo come quello di aver rivisto il padre dopo nove anni. È stata una circostanza insolita, ma che può succedere. È la diagnosi più plausibile. Almeno questa è la nostra diagnosi, alla luce anche degli esami clinici a cui il ragazzino tredicenne è stato sottoposto. Nulla infatti è emerso di anomalo o particolare per giustificare le crisi che ha avuto».

 

IL PARERE DELLO PSICHIATRA - Ilsussidiario.net ha intervistato lo psichiatra Alessandro Meluzzi per comprendere da dove può nascere lo shock emotivo in grado di portare le persone al coma e all’arresto cardiaco.

 

Lo shock emotivo, come quello subito dal ragazzo africano, si manifesta in soggetti particolari o può capitare a qualunque persona?

 

Tutto va contestualizzato, anche uno shock emotivo. Quello che per una persona può esserlo, per un'altra non lo è. Facciamo un esempio. Un funambolo che cammina su una corda non avrà alcun shock emotivo, se su una corda ci provo a camminare io, mi verrà sicuramente un infarto. Lo shock emotivo è causato da una situazione di stress, e anche qui va distinto il tipo di stress, in quanto ne esistono due. L'eustress, o stress buono, significa stimoli ambientali che creano situazioni interessanti e di crescita. Invece il distress è lo stress cattivo, che causa scompensi emotivi e fisici che causano anche danni gravissimi.

 

Nel caso del ragazzino africano colpito da shock emotivo, si può dire che se fosse stato sostenuto in una situazione confortevole, forse il suo stato di stress si sarebbe attenuato tanto da non provocargli alcun shock emotivo?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >