BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TERREMOTO CATANIA/ Scossa di 3.5 gradi in Sicilia

Sciame sismico di elevata intensità registrtato nella giornata di ieri 6 maggio in Sicilia, provincia di Catania, zona Monte Etna, con punte di 4 gradi sulla scala Richter

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

L’epicentro e la magnitudo del terremoto – Uno sciame sismico di forte intensità ha interessato ieri la provincia di Catania con epicentro nella zona circostante il Monte Etna. In realtà le scosse si avvertivano da giorni con punte di vario livello, ma ieri sera intorno alle 21.28 si è avvertita quella più potente, di ben 3,5 gradi sulla scala Richter, da alcuni media riportata come valore addirittura di 4 punti. Ieri in particolare nel corso della giornata si sono avvertite numerose scosse. Secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, una scossa di magnitudo 4 è stata avvertita intorno alle 17 del pomeriggio di ieri 6 maggio: il primo terremoto si è verificato alle 17.12 con magnitudo 4. Hanno fatto seguito tre scosse - alle 17.15, 17.17 e 17.18  - con magnitudo rispettivamente di 3.5, 3.4 e 3.6. Non poca è stata la paura degli abitanti della zona, ma fortunatamente la Protezione civile non registra alcun danno a persone o a edifici.

A individuare le scosse sono stati i macchinari dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. L’epicentro dell'ultima scossa di terremoto, quel delle 21.28 è stato localizzato ad una profondità di 22,8 chilometri. La scossa è stata registrata, per l’esattezza, alle coordinate 37.788°N, 14.946°E. nel distretto sismico del Monte Etna. Dalle verifiche che sono state effettuate dal Dipartimento della Protezione civile non risulta che il terremoto abbia provocato feriti o danni di entità significativa a persone o cose.

Come riporta l’Ingv, «I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo». In ogni caso, «sebbene tutti i parametri forniti siano stati rivisti da analisti sismologi - comunica ancora l'istituto -, nessuna garanzia implicita o esplicita è fornita. Ogni rischio derivante da un uso improprio dei parametri o dall'utilizzo delle informazioni inaccurate è assunto dall'utente».