BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAPA/ Benedetto XVI ricorda la crisi delle famiglie e dei giovani precari

Benedetto XVI (Foto Imagoeconomica) Benedetto XVI (Foto Imagoeconomica)

Il Santo Padre ha però ricordato che l’amore di Dio è più grande del male e dei peccati dell’uomo. “Nel mondo c’è il male, c’è egoismo, c’è cattiveria e Dio potrebbe venire per giudicare questo mondo, per distruggere il male, per castigare coloro che operano nelle tenebre. Invece Egli mostra di amare il mondo, di amare l’uomo, nonostante il suo peccato, e invia ciò che ha di più prezioso: il suo Figlio unigenito”, il quale “ha dato la sua stessa vita per noi: sulla croce l’amore misericordioso di Dio giunge al culmine. Ed è sulla croce che il figlio di Dio ci ottiene la partecipazione alla vita eterna, che ci viene comunicata con il dono dello Spirito Santo”. Per questo «nel mistero della croce, sono presenti le tre persone divine: il Padre, che dona il suo figlio unigenito per la salvezza del mondo; il figlio, che compie fino in fondo il disegno del Padre; lo Spirito Santo -effuso da Gesù al momento della morte- che viene a renderci partecipi della vita divina, a trasformare la nostra esistenza, perchè sia animata dall’amore divino».

© Riproduzione Riservata.