BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Un figlio senza madre e quei cattivi desideri che usano la vita (per denaro)

Pubblicazione:

Foto: Ansa  Foto: Ansa

La vita, ogni vita, in primo luogo appartiene certamente a chi la vive, ma non è un bene esclusivo, è un bene che tutti siamo sollecitati a tutelare come un bene comune. La stessa legge 194 in prima battuta si definisce come legge sulla tutela sociale della maternità, anche se poi la sua applicazione ha esclusivamente concentrato la sua attenzione sull’interruzione volontaria della gravidanza. Tutelare socialmente la maternità significa tutelarne anche le condizioni umane, l’insieme delle relazioni, che le consentono di svilupparsi e di maturare nel modo più umano possibile. Per questo diciamo un no chiaro e forte a questi esperimenti sulla vita, volti a soddisfare più un compiacimento tecnico-scientifico che un vero bisogno umano. Molti sono i bambini in attesa di adozione che nel mondo intero aspettano una mano tesa, un gesto di affetto e di inclusione, nel calore di una famiglia normalmente predisposta ad accoglierli. Indirettamente anche questi valori e questi suggerimenti possono essere colti dai referendum a cui recentemente abbiamo preso parte, per rinnovare un sì alla vita e un no alla morte.
Immagino cosa accadrebbe se noi a questo punto sottoponessimo a quesito referendario due domande semplici semplici:
1. ritieni giusto che da una donna morta possono nascere figli che non vedrà, che non conoscerà e di cui non potrà farsi carico, grazie ad una relazione che il padre potrebbe avere da un lato con l’utero in affitto di una donna che si presti a questo scopo per motivi diversi - da non escludere quelli economici - e dall’altro con una eventuale nuova compagna, che a sua volta potrebbe dargli nuovi figli?
2. ritieni giusto che venga abolito il comma tre dell’articolo 3 della legge sui trapianti del 1 aprile del 1999, che vieta il prelievo delle gonadi e dell’encefalo? Ritieni giusto che si possa effettuare un trapianto da viventi di utero, intervento finora mai effettuato con successo neppure sugli animali?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.