BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FRATELLI UCCISI A MILANO/ Caccia al movente, lo psichiatra: chi compie il male non sempre è pazzo

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

 

In effetti, persino nelle stesse modalità di esecuzione del delitto (24 coltellate) c’è qualcosa che va al di là della ragione. «Il ragazzo non ha manifestato solamente il voler uccidere l’amico. C’è stata la volontà di annientarlo, distruggerlo, frammentarne il corpo, e scaricare tutto l’odio, il rifiuto e la paura che l’evento può aver scatenato». Assisteremo all’ennesimo “Criminality”. Meluzzi è convinto di no. «Hanno già trovato il colpevole. E’ difficile quindi, che ci possano essere gli estremi per l’ennesimo “Criminality”. Manca, in sostanza, l’elemento che potrebbe tenere aperto il giallo a lungo».



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.