BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ La bimba di 3 anni ha salvato i genitori, ma chi la salverà da mamma e papà?

Pubblicazione:martedì 7 giugno 2011 - Ultimo aggiornamento:martedì 7 giugno 2011, 9.35

Fotolia Fotolia

Porto Recanati. Papà, mamma, bambina, una giornata al mare. Di solito quando si raccattano spugne e secchielli, al tramonto, si è accaldati e desiderosi di una bibita fresca, sotto un pergolato, e intanto ci si ingegna a mettere insieme una cena all’impronta.  Bisogna pensare a sciacquare i costumi, togliere la sabbia dai sandali, sennò non si chiudono, spalmare un po’ di crema sulla pelle che brucia.  E’ accaduto invece che un papà e una mamma, con il figlio di quattro anni e una piccina di tre  sul sedile posteriore, abbiano deciso nel parcheggio della spiaggia di chiudere la giornata facendosi una dose di eroina.

Spero che non volessero chiudere così la vita, disgraziati. Non nel senso di senza grazia, che quella per misericordia è data a tutti, ma perché incapaci di vedere la grazia ricevuta, anche solo per quei visetti arrossati che facevano capolino dallo specchietto retrovisore.  E che dopo un po’, capendo che non era un sonno normale quello dei genitori, hanno cominciato a preoccuparsi, a piangere. Poi la bambina è riuscita ad aprire la macchina, a scendere e fermare un passante: mamma e papà stanno male, gridava smoccolando. Li ha salvati. Ha permesso un pronto intervento che ha stroncato la morte per overdose.

Che possiamo dire, in una storia così? Che i bambini ci guardano, e non è solo il titolo celebre di un film. Che capiscono, e abbiamo il dovere di essere per loro testimoni credibili, sostegno amorevole e sicuro. Non sono nostri, è un privilegio che ci siano stati donati. Tocca esserne degni.  

C’è anche da considerare che quei genitori hanno quarant’anni. Di solito, una volta, quando si era all’antica, e metter su famiglia era un sogno della giovinezza, un obiettivo per cui lavorare con grinta, a quarant’anni i figli erano ormai grandi. Si può a quarant’anni sbandarsi senza un briciolo di responsabilità, di senno, di premura? Si può scegliere di buttare la vita  quando si fano due figli.


  PAG. SUCC. >