BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

G8 GENOVA/ 1. Agnoletto: fu una repressione con la complicità dello Stato

Scontri a Genova durante il G8 (Ansa)Scontri a Genova durante il G8 (Ansa)

Invece viene messo da parte. Sceglie di non partecipare all’ultima riunione che prepara l’assalto alla Diaz e poco dopo i fatti di Genova viene accantonato e poi mandato in prepensionamento. Andreassi è l’unico dei dirigenti di alto livello delle forze dell’ordine che abbia collaborato con la magistratura, ed è l’unico che non farà carriera. Vanno rispettati quei rappresentanti della polizia che, come lui, hanno cercato di svolgere onestamente il loro lavoro.

Chi ha deciso allora l’assalto alla Diaz e perché?

Lo dicono i magistrati: tutto il gotha della polizia italiana. Vi è il coinvolgimento dello stesso De Gennaro, lui come altri poi condannati: De Gennaro, ad esempio, a un anno e quattro mesi per induzione alla falsa testimonianza del questore Colucci. E anziché essere rimossi dal loro incarico, sono stati tutti promossi dai vari governi, che si chiamassero Prodi o Berlusconi. La politica infatti lanciò un messaggio ben preciso ai magistrati dicendo loro che indagare sul G8 alla politica non faceva piacere. Dietro a tutto questo disastro c’era il gruppo dirigente della polizia che, tra l’altro, aveva bisogno di accreditarsi presso il nuovo governo. Difatti quel gruppo dirigente dopo i fatti di Genova diventa inamovibile e viene promosso in blocco. Abbiamo assistito a un accordo bipartisan tra destra e sinistra per approvare il loro lavoro.

Della morte di Carlo Giuliani che giudizio ha oggi?

Sia io che i genitori di Giuliani abbiamo molti dubbi che a sparare sia stato il carabiniere Placanica. Noi pensiamo sia stato usato come capro espiatorio. Un mese e mezzo prima dei fatti di Genova (nel mio libro è possibile vedere questo documento) due poliziotti di un quartiere periferico romano trovano in un bidone della spazzatura un documento dei servizi segreti, che dice testualmente: a Genova sarà ucciso un giovane manifestante da un poliziotto o un carabiniere di leva. Nessuno ha mai spiegato cosa fosse quel documento. Il fatto che non si sia mai voluto tenere un processo sul caso della morte di Giuliani archiviando tutto come legittima difesa non ha permesso di fare luce su quel fatto.

È possibile che da questo decennale del G8 di Genova arrivi un messaggio di riconciliazione tra le parti coinvolte?


COMMENTI
20/07/2011 - Il documento dei servizi segreti (andrea ghidina)

Sarà, ma mi pare curioso che un documento dei servizi segreti venga trovato da due poliziotti nella spazzatura... Cosa cercavano? Documenti di tale portata vengono buttati integri nella spazzatura? E per quale motivo i vertici della polizia avrebbero avuto interesse ad ordinare l'attacco alla Diaz? Al di là di quello che possono dire le sentenze...