BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NO TAV/ Torna la calma dopo la notte di scontri. Manifestanti lanciano pietre e fuochi d’artificio contro forze dell’ordine

E' tornata la calma a Chiomonte (Torino) dopo una notte di guerriglia tra dimostranti No tav che hanno lanciato pietre e petardi e i militari che hanno aperto gli idranti

Foto: Ansa Foto: Ansa

NO TAV - NOTTE DI GUERRIGLIA TRA MANIFESTANTI E FORZE DELL'ORDINE - Lancio di pietre e fuochi d’artificio contro la polizia che ha risposto con lacrimogeni e idranti, l’autostrada A32 Torino-Bardonecchia chiusa per sicurezza, invasa dal fumo di un incendio e dei petardi. È il bilancio di una notte di scontri tra la polizia e seicento dimostranti (secondo il dato diffuso dalla questura) del movimento No Tav che si sono radunati alla Maddalena di Chiomonte (Torino), intorno alla recinzione che protegge l'area dove verrà aperto il primo cantiere della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione, nella zona del viadotto dell'autostrada Torino-Bardonecchia. I dimostranti hanno dichiarato da subito l’intenzione di tenere la zona «sotto assedio». Dopo aver accatastato rami e arbusti alcuni di loro hanno appiccato un incendio di entità limitata, ma che ha comunque richiesto l’intervento preventivo della polizia per bagnare le reti. I poliziotti in azione sono stati investiti da un lancio di pietre da parte dei manifestanti. Il fumo denso prodotto dalle fiamme ha costretto alla chiusura dell'autostrada A32 Torino-Bardonecchia per ragioni di sicurezza.
L’area della futura linea ferroviaria è stata presidiata durante la notte da centinaia di poliziotti, carabinieri, alpini, finanzieri, uomini del Corpo forestale e Vigili del fuoco. I manifestanti hanno attaccato la polizia con decine di fuochi artificiali, fumogeni, un grosso petardo e rivolgendo contro di loro i puntatori laser. La polizia ha risposto lanciando otto lacrimogeni e aprendo gli idranti per disperdere i dimostranti, un gruppo dei quali si è inoltrato attraverso un sentiero per i monti e si è nascosto nella boscaglia.
Il bilancio della nottata di scontri è di un carabiniere rimasto contuso a una mano a causa di una pietra lanciata da un manifestante No-Tav. L’uomo ferito è stato immediatamente soccorso e medicato. Secondo quanto riferiscono le forze dell’ordine, hanno preso parte alla manifestazione gruppi eterogenei: la frangia più oltranzista era composta da 250 antagonisti circa, la maggior parte dei quali autonomi e anarchici, molto travestiti per non farsi riconoscere, con abiti neri, caschi, maschere antigas che hanno utilizzato «il peggior armamentario» e hanno messo in atto azioni di «guerriglia».
Ma, precisa la questura, tra i dimostranti c’erano anche diversi valligiani contrari alla linea ferroviaria ad alta velocità.

CLICCA QUI SOTTO >> PER CONTINUARE A LEGGERE