BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ONDATA DI CALDO/ In arrivo dall'Africa temperature torride. I consigli

Pubblicazione:

Immagine d'archivio  Immagine d'archivio

Weekend di fuoco. Già da oggi venerdì le temperature cominceranno a salire verso l'alto. Colpa di un anticiclone nord africano che farà schizzare le colonnine di mercurio. Si prevedono anche i 40 gradi.

CALDO SAHARIANO - I meteorologi si sono spinti fino a usare definizioni terrorizzanti come "massa di aria rovente" per definire quello che da venerdì e per tutto il weekend colpirà l'Italia. Temperature da luglio ovviamente, già preannunciate nelle scorse settimane di giugno e poi interrotte grazie ad aria fresca e piogge. Ma questa volta il caldo non ci lascerà, almeno per quanto riguarda il centro e il sud Italia fino alla metà di luglio. Al nord invece sono previsti passaggi di turbolenze e piogge che renderanno meno pesante il caldo in arrivo. L'apice è previsto tra il 9 e il 12 con temperature che andranno dai 35 gradi fino a sfiorare i 40. Caldo e afa ma, dicono gli esperti, niente a che vedere con il caldo torrido che colpì il nostro Paese lo scorso anno durante il mese di luglio, periodo che fu definito il più caldo degli ultimi dieci anni. La regione che sarà più colpita dall'ondata di caldo in arrivo è la Sardegna. Secondo i meteorologi non pioverà sull'isola almeno per dieci giorni mentre le città più calde saranno Sassari, Carbonia-Iglesias e Villacidro.


CAMBIAMENTI CLIMATICI - Secondo gli esperti invece questa estate del 2011 sarà caratterizzata da una alternanza continua di bel tempo e di piogge. La colpa? I cambiamenti climatici degli ultimi anni. Secondo il direttore dell'Istituto di Biometereologia del Cnr infatti le masse d'aria hanno cambiato il modo di circolare. Prima si muovevano a zone, lungo i paralleli e con l'azione dell'anticiclone delle Azzorre consentivano lunghi periodi di bel tempo. Adesso invece la circolazione delle masse d'aria procede lungo i meridiani. Il risultato sono cambiamenti meteo anche repentini. Quando arrivano masse d'aria dal sud cioè dall'Africa, si hanno periodi di caldo tropicale, ma quando queste masse d'aria arrivano dal nord le temperature scendono e si hanno condizioni di pioggia.  Allora l'estate 2011 sarà fatta di veloci momenti di piogge e momenti torridi. Il che produrrà un clima generalmente molto afoso con tassi di umidità elevati. Un clima tropicale, e addio al clima mediterraneo.




  PAG. SUCC. >