BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

PATTI SUICIDI/ Il caso di tre ragazze tedesche che si sono uccise in una tenda in un bosco

La cittadina tedesca di CloppenburgLa cittadina tedesca di Cloppenburg

La tragica morte delle tre ragazze ricorda il caso recente accaduto in America, che ha avuto per protagoniste anche qui delle giovani, seppure in questo caso due soltanto. E' la storia di Gina Gentile e Vanessa Dorwart, di soli 16 anni, due ragazze americane dello Stato della Pennsylvania. Per morire, hanno scelto un modo terribile: si sono sdraiate abbracciate sui binari della ferrovia e hanno atteso che un treno di passaggio le travolgesse e le facesse a pezzi. Una loro amica presente alla scena inutilmente le aveva scongiurate di spostarsi. Entrambe soffrivano di depressione, anche se non era stato possibile capire se si trattasse di un classico momento legato all'adolescenza o di problemi più gravi. Una delle due, Gina, aveva perso il padre alcuni anni prima, ma soprattutto era rimasta scioccata dalla morte del suo fidanzatino, ucciso da un automobilista mentre era in bicicletta, solo un anno prima. I messaggi trovati sui loro cellulari hanno permesso di capire che le due avevano deciso di uccidersi insieme facendo un vero e proprio patto.

Il fenomeno dei suicidi effettuati tramite un "patto", un accordo fra due o più persone, è un classico dei casi di suicidio. Sebbene Internet abbia reso più facile mettersi in contatto tra persone con tendenze suicide, questo fenomeno esiste da sempre. Aiutarsi e sostenersi di fronte a una decisione così terribile è un modo efficace per superare la paura di commettere tale gesto. I patti di suicidio vengono distinti dai suicidi di massa.