BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MELANIA REA/ Parolisi parlerà in udienza il 22 agosto, intanto spuntano denunce e il verbale dell'interrogatorio a un mese dal delitto

Foto Ansa Foto Ansa

LA CASERMA E L’ALBERGO - Ancora più esplicita la denuncia di Valeria, Siciliana, oggetto di avances e frasi ambigue: «Vediamo queste curve di livello. Allora, come siamo messi?», le veniva detto, oltre alla minaccia secondo la quale non si sarebbe potuta sottrarre alla respirazione bocca a bocca». Giuditta parlando di Parolisi non ha usato mezzi termini: «Durante l'addestramento usava sistemi violenti, come quando facevamo il passo del leopardo e mi dava i colpi sul sedere». Rosa ammette di aver avuto una breve relazione con l’indagato iniziata, quasi per scherzo, su Facebook, e parla di un albergo in cui avvenivano gli incontri tra gli istruttori e le reclute, sulle colline ascolane, la Dimora di Morgiano, in cui «sapevo – dice - che andavano tutti». E infatti dall’inchiesta sull’omicidio di Melania Rea rischia di aprirsi un altro filone di indagine.

© Riproduzione Riservata.