BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BURQA FUORILEGGE/ Abbruzzese: dietro quei simboli identitari il disprezzo per l'Occidente

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Burqa fuorilegge, a settembre alla Camera  Burqa fuorilegge, a settembre alla Camera

Via libera della commissione Affari Costituzionali alla legge sul divieto di burqa e niqab. Il provvedimento verrà esaminato alla Camera in settembre. La parlamentare del Pdl, Souad Sbai, ha dichiarato la sua soddisfazione per l'approvazione del testo della proposta di legge che in Francia, Belgio e Azerbaijan è già realtà. Una battaglia che la deputata di origini marocchine ha intenzione di portare avanti. «Ce lo chiedono le donne segregate, umiliate e oppresse - ha aggiunto - , che ogni giorno aiutiamo a risorgere dal proprio triste destino».
«Burqa e niqab sono simboli identitari - spiega a IlSussidiario.net il sociologo delle religioni Salvatore Abbruzzese -, che servono ad autoidentificarsi con la propria "comunità primaria". C'è però una differenza fondamentale tra questi simboli e, ad esempio, il fazzoletto di un boy scout o il saio di un frate cappuccino». Quale? «Indossare il fazzoletto dei boy scout significa far prevalere l'identità di scout su quella di cittadino, ma non vi è conflitto tra le due. Gli scout sono infatti una componente accettata della società. Dietro il burqa, invece, vi è un'esplicita dimensione protestataria e rivendicativa, c'è il disprezzo per la cultura occidentale. Stiamo parlando di simboli, in pratica, che, anche se ammessi, non ci condurranno mai all'integrazione, ma alla contrapposizione e al conflitto». Il tema della libertà della donna e quello relativo alle misure di sicurezza sono quindi da tenere in secondo piano? «A mio parere sì - prosegue Abbruzzese -. Il problema sostanziale è quello che ho appena illustrato, anche se la libertà e la sicurezza sono temi maggiormente avvertiti dai cittadini. Credo perciò che, in sede politica, verranno presi in considerazione per creare il consenso necessario a far passare la legge». Ma leggi simili in Belgio e Francia hanno portato a un innalzamento del livello della tensione? 



  PAG. SUCC. >