BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

ABORTO/ Dal Liechtenstein e dall’Inghilterra, due lezioni per l’Europa

Secondo ALBERTO GAMBINO, la scelta del principe Alois di porre il veto sulla legge sull’aborto, e la concessione dell’obiezione di coscienza a due infermiere di Londra, potrebbero fare testo

Fotolia Fotolia

Luigi (Alois) del Liechtenstein, principe reggente del Paese, il 15 agosto, giorno dell’Assunzione della Vergine Maria e Festa nazionale ha fatto un importante annuncio al suo popolo. Nel mese di settembre si terrà un referendum per legalizzare l’aborto. Laddove dovesse passare, non esiterà a porre il veto sulla legge, come i suoi poteri gli consentono di fare. Benché formalmente il padre, Hans-Adam II, abbia mantenuto il titolo, nell’agosto del 2004 gli ha passato il potere di assumere le decisioni ordinarie di governo del principato. Alois, cattolico praticante, ha giustificato la scelta di bloccare la legge sottolineando, in particolare, la piaga degli aborti dei bambini disabili. In Inghilterra, nel frattempo, due infermiere cattoliche, per la prima volta, avvalendosi della legge sulla parità del 2010 – in genere interpretata dai giudici in senso restrittivo nei confronti delle minoranze religiose -, hanno ottenuto la possibilità dell’obiezione di coscienza per l’aborto. Non solo è stato consentito loro di non partecipare a pratiche abortistiche, ma anche di essere spostate dal reparto che effettua le interruzioni di gravidanza. Le due, si sarebbero sentite, in ogni caso, complici dell’uccisione di un feto se avessero dovuto continuare ad operare, all’interno della clinica in cui lavorano, nel centro per gli aborti. A consentire la vittoria, l’intervento dello studio legale Thomas More, specializzato in casi di discriminazione religiosa, in seguito al quale il direttore della clinica si è trovato costretto ad agire in questa direzione. Non è escluso che i due episodi possano valicare i confini nazionali, arrivando a «influenzare legislazioni europee di Stati limitrofi, dal momento che tutte le legislazioni nascono sempre da problemi sociali e legati a principi e valori condivisi dalla società», spiega Alberto Gambino raggiunto da ilSussidiario.net. «Si tratta – continua - di due esempi di come ci sia una rivisitazione sociale e culturale di certi problemi». In Inghilterra il caso assume un’accezione particolare: «nel Paese, infatti, la mentalità comune attribuisce alla giurisprudenza la facoltà di stabilire cosa sia giusto e sbagliato; certo, è legittimo osservare quanto stabilito dal legislatore, ma la legge si limita – o dovrebbe limitarsi – a codificare e interpretare i principi e le norme morali, non a stabilire quali lo siano».