BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MEETING/ Franchi: io, relativista, vi spiego perché ho sbagliato a non andare a Rimini

Pubblicazione:

Foto Ansa  Foto Ansa

Due su tutti: il giudizio sul ventennio o quasi che abbiamo alle spalle (in una parola: sulla cosiddetta Seconda Repubblica) e l’appello ai giovani, di Cl e non solo, perché si facciano protagonisti con le loro idee, le loro speranze, le loro passioni e quindi le loro certezze, di un ritorno alla politica e della politica, senza il quale rischiamo tutti, giovani e meno giovani, di restare intrappolati sotto queste macerie. Ho letto, qualche giorno fa, un’intervista di Giorgio Vittadini al Riformista, e mi è parso che Vittadini in larga misura condividesse questo tipo di analisi. Sono d’accordo con lui, le contestazioni alla “casta” non portano da nessuna parte, e rischiano anzi di prendere una piega tendenzialmente antidemocratica, se alla critica (legittima) dei simulacri di partiti che oggi offrono un così triste spettacolo di sé non si accompagna l’impegno a far sì che i partiti tornino ad avere “una base e un radicamento popolare”, e i loro leader tornino a venir fuori “dalle sezioni, dalle parrocchie, dai territori”, e non siano più dei “demiurghi”, o presunti tali, espressi da “cerchie ristrette”.

Mi piacerebbe condividere anche il suo ottimismo e la sua fiducia nella possibilità che i segnali in questo senso, che pure ci sono (è il caso, come ha ricordato significativamente anche Napolitano, dell’intergruppo parlamentare sulla sussidiarietà), già indichino il bel tempo in arrivo. I buoni esempi vanno, oltre che apprezzati e pubblicizzati, coltivati con cura, ci mancherebbe, e andare controcorrente, di questi tempi, è un vanto intellettuale, culturale e persino morale, oltre che, ovviamente, politico. Ma io sono, e me ne dispiace, un po’ più pessimista. A combinare disastri non ci vuole moltissimo. Venirne a capo è un’impresa titanica.   



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
05/09/2011 - Semplicità e lealtà. (Daniele Biondi)

Plaudo all'onestà intellettuale di Franchi. La stessa che si incontra con il Meeting di Rimini. Da queste posizioni di semplicità e lealtà voglio imparare.