BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

DIETA/ Perdere peso con il pomodoro e il cicorino senza rinunciare al gusto

L'importanza del pomodoroL'importanza del pomodoro

Nel 1773 Vincenzo Corrado nel trattato “Il cuoco galante” consigliò di metterlo nello stufato di verdure, ma solo nel 1839 Ippolito Cavalcanti, duca di Bonvicino, lo usò per condire la pastasciutta. È del 1840 la famosa ricetta di Niccolò Paganini di ravioli alla genovese con salsa di pomodoro, mentre la prima citazione del felice matrimonio con la pizza napoletana è nel Grande dizionario di cucina di Alexandre Dumas. Intanto, nel 1853, il pomodoro aveva conquistato l’alta cucina francese, comparendo a un pranzo di gala della corte di Napoleone III”.
Ebbene, dopo tutto questo excursus storico, oggi l'unica speranza per mangiare un pomodoro come si deve è quella di conoscere un vicino che ce lo doni, staccato direttamente dalla pianta.
Altrimenti passa una stagione e il pomodoro rimane una chimera, così come il cicorino. Il primo, al massimo sarà quello anemico e straconservato che trovi nelle buste già confezionato, il secondo ha cambiato nome: rucola, eternamente rucola.

© Riproduzione Riservata.