BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MELANIA REA/ I pm indagano su un complice segreto di Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi Salvatore Parolisi

IL PROFILO DEL TELEFONISTA - I carabinieri stanno inoltre esaminando gli indumenti che Salvatore portava indosso il giorno in cui Melania è stata brutalmente assassinata, oggetti che l’uomo ha consegnato di propria iniziativa il 10 maggio e che quindi con ogni probabilità dovrebbero essere «puliti». I Ris hanno anche prelevato tre tamponi dalla macchina del caporalmaggiore, e una in particolare è risultata compatibile con il sangue. Anche se è ancora tutto da verificare che si tratti del sangue della moglie, o che abbia a che fare in qualche modo con l’omicidio. Grazie alla registrazione della chiamata anonima ai carabinieri di Teramo che segnalava la presenza del cadavere di una donna nel bosco delle Casermette, magistrati e militari di Ascoli hanno tracciato una sorta di profilo dell’uomo. E sono convinti che si tratti di un ultracinquantenne, dalla evidente parlata della zona di Teramo e, più in particolare, di Civitella del Tronto. La speranza degli investigatori è infatti che l’autore della chiamata possa fornire degli elementi ulteriori, come l’avvistamento di eventuali sospettati nei paraggi. Anche perché il corpo di Melania Rea è stato oltraggiato in seguito alla sua morte. Improbabile però che l’uomo possa essere individuato, e l’unica speranza quindi è che decida di propria iniziativa di aiutare i magistrati a risolvere questo difficile caso.