BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MELANIA REA/ I pm indagano su un complice segreto di Salvatore Parolisi

Salvatore Parolisi Salvatore Parolisi

PAROLISI FA SCENA MUTA - Nel frattempo Salvatore Parolisi è comparso nuovamente dinnanzi al giudice per le indagini preliminari. Ma Giovanni Cirillo, Gip di Teramo, non ha avuto potuto raccogliere alcun ulteriore elemento, perché il caporalmaggiore si è avvalso della facoltà di non rispondere, come aveva già fatto del resto dinanzi al Gip di Ascoli, poi giudicato «incompetente» per territorio. Il gip Cirillo e il sostituto procuratore Davide Rosati, hanno lasciato quindi il penitenziario di Castrogno senza riuscire a fare passi avanti nelle indagini. Mentre a Folignano, nella casa di Parolisi, è stata portata a termine una perquisizione da parte dei carabinieri di Teramo. L'abitazione era stata lasciata dal caporalmaggiore qualche giorno prima dell’arresto. Michele Rea, fratello di Melania, ha dichiarato all’Adnkronos: «Abbiamo fiducia solo nella giustizia, perché quella in Salvatore Parolisi già non c'è più, è decaduta da tempo. Non siamo sorpresi che Salvatore si sia avvalso anche davanti al gip di Teramo della facoltà di non rispondere perché è la strategia concordata con i suoi avvocati. Ora attendiamo il Riesame e gli sviluppi dell'inchiesta". Come ha aggiunto quindi Michele Rea, «fino a prima dell'arresto abbiamo ragionato con il cuore. Poi gli sviluppi delle indagini, che dal nostro punto di vista sono state scrupolose, hanno portato alla luce nuovi elementi e tutto è cambiato».

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.