BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITINERARI/ Tignale, la Corte del Grillo e un panorama fantastico

Pubblicazione:giovedì 1 settembre 2011

Un piatto della Corte del Grillo Un piatto della Corte del Grillo

Gli sms sono una gran bella invenzione e ti eliminano il disagio di rispondere al telefono quando sei occupato in altre faccende. Ancora adesso, che le vacanze sono finite, arrivano i cosiddetti report di ritorno di chi è stato in vacanza oppure in un ristorante segnalato su una nostra guida o sull'applicazione di iPhone o iPad (che incredibilmente, e senza sosta, continua a essere scaricata). Un sms in particolare mi ha fatto piacere e riguarda un locale in provincia di Brescia, in un luogo eroico, dove sono stato quest'anno, poco prima delle vacanze estive. Dopo aver sostato sul Lago di Garda (a proposito, andate a prendere un aperitivo, anzi chiedete nello specifico dell'apertitivo Dannunziano, che fanno al Grand Hotel Gardone di Gardone Riviera, senza intimorirvi della location dove sostò persino Churchill).

Tignale non è usuale da raggiungere, ma se vi fidate andateci appena possibile. Proverete pace a salire su quelle altezze dove i paesi sono da cartolina e questo locale vi saprà rendere gioia pura. È un ristorante eccezionale, che solo la pigrizia delle altre guide ignora. Salite allora sulla sponda occidentale del lago in direzione Riva del Garda e poi... salite, salite, salite. A un certo punto arriverete in una villa amena, La Corte del Grillo, che avrà un dehors con un panorama fantastico. Vi colpirà immediatamente la selezione rara di vini sconosciuti (mai vista) e una cucina che non esito a definire grande. Se il tempo è ancora bello, magari a pranzo, cenerete nel dehors guardando il lago dall'alto, altrimenti nelle ovattate sale dove si assaggiano il giro di crespella croccante con pesce persico, burro e timo, che è un piatto che ricorderete, oppure quei casonsei ripieni di Bagoss con fili di pomodoro e maggiorana, che da soli varrebbero il viaggio.

Non indugiate, poi, sul filetto di coregone marinato con cipolle di Tropea e tartare di pomodoro passito, oppure sul carré d'agnello in crosta d'erba con salsa al Rosso Superiore del Garda e lenticchie. Anche i dolci sono all'altezza di una cena coi fiocchi: tortino soffice di mele, salsa alla vaniglia di Tahiti e gelato al rosmarino, cialda croccante con frutta di stagione, crema inglese e olio extravergine alla vaniglia. Menu di lago a 35 euro, menu degustazione a 45 euro. Grande!!!


  PAG. SUCC. >