BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TUBERCOLOSI AL GEMELLI/ Pregliasco: malaria, Tbc, meningite, siamo tutti a rischio

Fotolia Fotolia

«La tossina, non appena penetra in circolo provoca la contrazione di tutta la muscolatura, e si muore per asfissia. La cosa terrificante è che se si sopravvive, non si rimane immuni». Ricapitolando: una sola malattia realmente scomparsa, quindi. Una casistica pressoché inesistente. «Dipende, oltre dalla difficoltà a vaccinare tutta la popolazione mondiale, dal fatto che, spesso, benché la malattia non sia più in circolazione continuano ad esistere migliaia di portatori sani». Sul diffondersi in Italia – e, in generale nei Paesi Europei -, di malattie legate al fenomeno immigratorio, Pregliasco ci tiene a fare una precisazione. «Si tratta di persone che partono dal loro paese d’origine sane. Vi è una selezione, infatti, alla base: se fossero malate, non riuscirebbe a resistere ai viaggi, spesso disumani. Il problema è che, quando giungono in Italia, iniziano a vivere in condizioni igieniche precarie. Ammassati, magari, in 20 nella stessa stanza contraggono delle malattie che, a quel punto, iniziano a diffondere».

© Riproduzione Riservata.