BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

VENEZIA/ Corteo contro la Lega: scontri e incidenti (video)

Incidenti al cortoe anti Lega in corso a Venezia, diveris contusi tra manifestanti e forze dell'ordine. Domani attesi nel capoluogo veneto circa ventimila leghisti

Gli scontri di oggi a Venezia, foto Ansa Gli scontri di oggi a Venezia, foto Ansa

Ci sarebbero degli incidenti anche di una certa consistenza a Venezia durante il corteo promosso da partiti, associazioni, sindacati e centri sociali contro la Lega. Il partito di Bossi infatti proprio domani celebrerà a Venezia la festa del popolo padano, cominciata nei giorni scorsi con la cerimonia di benedizione dell'ampolla di acqua del Po che come da tradizione verrà poi versata nella laguna. Oggi alle 17 i manifestanti, tra cui anche membri del consiglio comunale, si erano radunati davanti al Ponte degli Scalzi, vicino alla stazione con striscioni che attaccavano in modo esplicito la Lega: Lega ladrona e Liberi dalla Lega, fra gli altri. Le autorità non avevano concesso però ai manifestanti il percorso da loro richiesto che avrebbe condotto il corteo fino a piazza San Marco. I manifestanti non hanno accettato l'imposizione e hanno tentato di sfondare il cordone delle forze dell'ordine che hanno effettuato una prima carica di alleggerimento per fermare le persone. A questo punto i manifestanti hanno usato le aste delle bandiere e degli striscioni per colpire gli agenti. Diverse persone sono rimaste contuse negli scontri, tra cui un consigliere comunale, Beppe Caccia, che sarebbe stato ricoverato in ospedale. Contusi e feriti anche due agenti di polizia. I manifestanti hanno usato contro la polizia anche petardi e bombe carta. Le autorità avevano concesso al corteo di arrivare fino a campo Santa Margherita. Poco prima delle 18 per via degli incidenti, il traffico della stazione ferroviaria è stato fermato. Ogni anno a Venezia si tiene la festa conclusiva delle celebrazioni del battesimo della Padania, e ogni anno puntualmente si assiste a proteste contro tale celebrazione. Domani in particolare sono attesi a Venezia circa ventimila leghisti in arrivo con trecento pullman, diciotto treni speciali e anche sei motonavi. C'è tensione all'intenro della Lega pe rla posizione di alcuni esponenti del partito che hanno criticato fortemente la manovra che la Lega stessa ha contribuito ad approvare. Non è ancora infatti stato deciso quali dirigenti dle partito dovranno parlare durante il comizio finale.