BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J'ACCUSE/ Campiglio: i tagli dell'Ue agli aiuti alimentari affamano anche l'Italia

Un campo di grano maturo Un campo di grano maturo

Facciamo semplicemente dei calcoli su famiglie di basso reddito. Ormai le spese per la casa raggiungono il 30 per cento del reddito. Parlo di spese complessive per la casa. Le spese di trasporto, per persone che lavorano e hanno necessità di spostarsi, arrivano al 15-20 percento. Secondo i dati della stessa Banca d'Italia, il 20 percento delle famiglie italiane a basso reddito non risparmiano più, anzi sono in negativo.Che cosa accade in questo contesto ? Si riduce la spesa alimentare. Se non di quantità, certamente di qualità. E questo diventa preoccupante se si pensa a una famiglia numerosa, con bambini piccoli o adolescenti che non possono pensare alla dieta.

 

Lei ha fatto un calcolo, una stima, su quante famiglie italiane si trovino sotto la cosiddetta soglia alimentare?

La mia stima era dell'8,4 percento nel 2009, in piena crisi. Ed era aumentata dal 2007, quando si fermava al 6,3 percento. Ora credo che sia aumentata. Sostanzialmente possiamo dire che la libertà del vivere è accompagnata da una deprivazione economica. Paradossalmente lo è meno in Francia, Paese laicissimo, dove scende il Pil ma aumenta il reddito delle famiglie.

 

Ma i tedeschi, con gli svedesi, gli olandesi, la Gran Bretagna, la Repubblica Ceca, la Danimarca e l'Austria stanno facendo addirittura una minoranza di blocco nel Consiglio europeo che vorrebbe modificare il regolamento di aiuti agli indigenti, in modo da superare la straordinarietà decisa da Barroso. Nessuno si azzarda a porre all'ordine del giorno questa modifica perché il blocco di minoranza la vanificherebbe. Ci proverà domani la Polonia, che, nel suo budget d'aiuti agli indigenti, arriva al novanta per cento. Ma occorre che si spostino di posizione almeno un paio di Paesi.

Devo dire che non capisco questo atteggiamento della Germania. Non sono poi messi molto bene. Secondo una serie di ricerche piuttosto raffinate, il 22 percento degli europei non può mangiare carne o pesce ogni due giorni. In Germania questo indicatore sale al 26 percento e in Austria è al 25. Bisogna stare attenti a fare i primi della classe, a volte.

 

I vantaggi del Pead sono di carattere economico e sociale. E l'Europa dovrebbe seguire una politica agricola comune, soprattutto in un momento come questo. Invece con questa sentenza della Corte di Giustizia europea, solleciata da Germania e Svezia, si rischia di mettere in crisi migliaia di centri che danno da mangiare quotidianamente agli indigenti. Pensi solamente alla realtà del Banco Alimentare in Italia. Questo non è solo un problema di caratter sociale, ma di sicurezza sociale. Che ne pensa professore ?