BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

BANCO ALIMENTARE/ Mario Mauro: il Parlamento Ue voterà contro chi vuol bloccare gli aiuti

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

In particolare, è in gioco il concetto di assistenza e solidarietà in ambito europeo. Da un lato c’è chi considera questi elementi di pertinenza meramente nazionale; «dall'altra - continua Lucchini - coloro che ritengono invece essere di fondamentale importanza, in vista di una effettiva "cittadinanza europea", dare sostegni concreti a chi, in Europa, versa in una situazione di estremo bisogno». Gli fanno eco Mario Mauro, Presidente dei Deputati del Pdl al Parlamento europeo e Giovanni La Via, Relatore ombra sul bilancio 2012 per il Gruppo Ppe, che hanno definito «inaccettabile la riduzione dell'aiuto alimentare».

I due hanno sottolineato il paradosso di una «una minoranza di blocco» che decide «una drastica riduzione dell'aiuto alimentare agli indigenti». Per queste ragioni, «il Parlamento Europeo ribadirà la propria posizione - già espressa lo scorso luglio con una risoluzione votata a larga maggioranza - a favore dell'aiuto alimentare agli indigenti a livello attuale». Intervenendo al Consiglio dei ministri dell’Agricoltura, il titolare del dicastero italiano, Saverio Romano, ha difeso anch’egli il Pead, chiedendone l’immediato ripristino: «siamo chiamati ad una decisione di grande rilievo morale. In questa fase economica particolarmente critica un energico ridimensionamento del programma potrebbe arrecare un grave pregiudizio a molti milioni di poveri. Per tale ragione è importante riattivare rapidamente il dibattito ed approvare in tempi stretti la proposta presentata dalla Commissione».

© Riproduzione Riservata.