BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MELANIA REA/ Lo zio Gennaro: "Salvatore Parolisi non è l'assassino, ma è complice"

Pubblicazione:

Salvatore Parolisi, foto Ansa  Salvatore Parolisi, foto Ansa

Entra in scena Gennaro, zio di Melania Rea, la donna uccisa in circostanze ancora misteriose, benché in carcere accusato dell'omicidio ci sia il marito Salvatore Parolisi. Per Gennaro Rea, il Parolisi non è l'autore materiale del delitto, ma vi è comunque coinvolto. E' sicuro di quanto dice l'uomo e si è pure tagliar la barba che si era lasciato crescere con la promessa di tagliarla solo quando la dinamica della morte della nipote non fosse stata chiarita. E per lui, la chiarezza è arrivata. Probabilmente a spingerlo a lanciare accuse così precise è stato il ritrovamento nei gironi scorsi di impronte di scarpe sporche del sangue di Melania, sul luogo del delitto, scarpe che per la misura fanno a pensare che il possessore sia una donna. E anche il fatto che fino ad oggi non sia mai stata trovata traccia della presenza di Salvatore Parolisi sul luogo del delitto, fa credere a un piano combinato con un complice. Per Gennaro Rea Parolisi era comunque presente: "Non è lui l'autore materiale. Sono certo, però, che fosse presente all'omicidio e questo per me è ancora più grave. Salvatore era presente, lui sa chi ha ucciso Melania" ha detto in una intervista rilasciata al quotidiano Il Centro. Gennaro Rea si è anche dato da fare personalmente per indagare sul fatto: aveva messo mano al computer di Salvatore Parolisi e vi aveva trovato messaggi e foto con l'amante che definisce incredibili. Ha consegnato tutto alla procura. Non solo: ha avuto dubbi sul marito della nipote sin da subito. All'obitorio, racconta nell'intervista, davanti al corpo della donna, lui era sereno, si preoccupava di una colomba da regalare a un collega in caserma e al funerale è anche arrivato mezz'ora in ritardo. E ancora: quando tutti si recarono sul luogo del delitto dove giaceva Melania, Parolisi era a casa a cancellare i messaggi su Facebook con la sua amante Ludovica. Per Gennaro Rea l'assassino va cercato nell'ambiente militare. D'altro canto gli inquirenti hanno sempre sostenuto che Melania è stata uccisa con tecnica militare.


  PAG. SUCC. >