BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIERE/ Questo weekend al Maremma Food shire, il meglio della Toscana

Pubblicazione:giovedì 22 settembre 2011

Aimo Moroni Aimo Moroni

Ovvìa, che si fa in questo weekend? Be', se avete coraggio, se vi fidate davvero delle mie suggestioni, prendete l'auto e venite in Maremma. Io ci andrò venerdì sera, perché il giorno dopo a Grosseto, in località Braccagni, si apre una delle fiere più clamorose del territorio: Maremma Food Shire. Per tre giorni la possibilità di incontrare 90 produttori di cose buone della Maremma selvaggia e intrigante, ma anche i vini come il Morellino di Scansano, il Sangiovese Montecucco, il Bianco di Pitigliano. E poi la cucina, sublimata da un piatto come l'acqua cotta che è straordinaria.
Ma una cosa che mi ha colpito in maniera particolare della Maremma è l'olio extravergine di oliva, in particolare quello di Seggiano e di Castel del Piano, due paesi che circondano il monte Amiata e che meritano una visita. Con queste giornate di sole, in Maremma, sarà come essere in vacanza e la prima tappa dove vi porterei è Saturnia, a fare il bagno nelle acque termali. Quando ci sono stato a febbraio, ho visto gente che lo faceva. La Maremma però è anche andare a Poggi del Sasso, dove apre le porte il monastero benedettino di Siloe costruito secondo i criteri della bioarchitettura, dove producono un olio spettacolare, molto intenso, adatto alle zuppe e poi una teoria di peperoncini di varie intensità e lo zafferano, che è un altro prodotto della Maremma.
Se andate ad Alberese lo spaccio della cooperativa vi fornirà la carne di razza Maremmana frutto degli allevamenti di quei capi con manto bianco e corna lunghe, accudite dai butteri ancora oggi in un parco sterminato che digrada sulle rive del mare. Maremma per me vuol dire andare da Caino a Montemerano, una delle cucine più straordinarie d'Italia che fa il paio con Bracali a Massa Marittima. La Maremma è Orbetello, Capalbio, Isola del Giglio, Porto Ercole, l'Argentario, ma anche Pitigliano, Sorano e altri paesi fantastici. Se non conoscete Grosseto, dovete andarci: il centro storico è raccolto dentro alle mura antiche e la sosta è da Claudio alla Buca di San Lorenzo, ottima cucina tipica maremmana di mare e di terra. Vi lascio, alla vigilia di una partenza che spero diventi anche vostra, con le parole di Aimo Moroni, il sommo cuoco del ristorante Aimo e Nadia di Milano, intervistato in occasione di Maremma Food Shire.
“La Maremma è una terra dove torno sempre volentieri: ci sono andato anche questa estate, per le mie vacanze, e sono stato nella zona di Pitigliano, Sovana e Sorano. Perché ho trascorso le vacanze in Maremma? Perché è una terra splendida, la cui storia mi emoziona, i cui paesaggi mi lasciano incantato. Anni fa, a uno chef di Kyoto con cui ho lavorato in Giappone, venuto in Italia per fare un giro turistico, ho consigliato di visitare assolutamente la Maremma. Lui ha seguito il mio consiglio e con una macchina a nolo l'ha attraversata. A un certo punto ha fatto fermare la macchina, è sceso e ha chiesto all'autista: “Scusi, dov'è San Pietro?” “Non siamo a Roma” “Sì, lo so, ma questo è il paradiso in terra”. Aveva di fronte una di quelle terre immacolate che i macchiaioli hanno reso così bene in pittura.


  PAG. SUCC. >