BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

VALTER LAVITOLA/ Il faccendiere ospite di "Bersaglio mobile" di Mentana su La7 (video)

Pubblicazione:giovedì 29 settembre 2011

Foto Ansa Foto Ansa

Lo aspettano in Italia per indagarlo, ma Valter Lavitola al momento se ne sta tranquillo a Panama, in quello che qualcuno ha definito un esilio dorato. L'ex direttore del quotidiano L'Avanti è infatti indagato nel caso Tarantini, che vedeva in un primo momento Silvio Berlusconi vittima dei  supposti ricatti dell'imprenditore e appunto di Lavitola, e che dopo la scarcerazione di Tarantini vede adesso il capo del Governo a rischio di mandato di comparizione, indagato lui stesso cioè per traffico di escort a pagamento. Ieri sera Valter Lavitola dopo poche dichiarazioni a mezzo telefonico è apparso finalmente sugli schermi della televisione, precisamente al programma condotto da Enrico Mentana Bersaglio mobile sul canale La7. Lavitola era in collegamento via satellite da Panama. In studio con Mentana invece si trovavano  Carlo Bonini di Repubblica, Corrado Formigli di Piazza Pulita, Marco Lillo e Marco Travaglio del Fatto Quotidiano. Chi si aspettava particolari dichiarazioni o colpi di scena nel caso è rimasto deluso: Lavitola ha dichiarato che al momento se ne rimane a Panama, ben lontano dai giudici italiani. Lavitola ha poi smentito di aver fornito schede telefoniche peruviane a Berlusconi ma invece di avergli fatto avere tramite un suo collaboratore peruviano una scheda, per non essere intercettato. Ha detto poi di essere sempre stato ai margini di tangentopoli e che da 25 anni fa l'imprenditore in centro e sud America. In italia si occupava di giornalismo fino a quando non è stato radiato dall'albo dei giornalisti. Travaglio, nel suo stile, ha detto di sentirsi imbarazzato a intervistare un latitante e gli ha chiesto perché, se è tutto falso quello di cui lo si accusa, non si presenta ai magistrati. Gli è stato chiesto quale fosse il suo grado nella massoneria, e ha risposto che era entrato da ragazzo diciannovenne per fermarsi al grado più basso, mentre non ha mai saputo se Berlusconi fosse mai stato membro della massoneria. In definitiva poche risposte, poca chiarezza, niente per tornare a casa con qualche sorta di scoop per una indagine che al momento non mostra ancora colpi di scena.


  PAG. SUCC. >