BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

HULK HOGAN/ Il declino del campione: "Ma sono sereno"

Pubblicazione:venerdì 30 settembre 2011 - Ultimo aggiornamento:venerdì 30 settembre 2011, 14.45

Hulk Hogan (Foto Ansa) Hulk Hogan (Foto Ansa)

Chi non ricorda Hulk Hogan, grande personalità del wrestling degli anni Ottanta e Novanta: capelli biondi, baffoni in tinta e bandana gialla come la maglietta pronta per essere strappata in segno di vittoria. E quel gesto con il dito e con il volto che come sempre faceva dopo avercele prese di santa ragione, come per dire all’avversario, “preparati, adesso tocca a me”. E quasi sempre andava a vincere e a sollevare un cinturone dorato sopra la testa. Quello stesso Hulk Hogan, dopo aver accumulato milioni di dollari, aver fatto reality con tutta la famiglia, aver recitato in tantissimi film hollywoodiani e aver vissuto nel lusso sfrenato per anni, oggi confida dalla poltrona del programma Good Morning America di aver sperperato tutto in macchine sportive, case e viaggi per tutta la famiglia. E ora il campione biondo, 58 anni suonati, vive in una casa in affitto in attesa che la sua villa in Florida venga venduta a un prezzo "ridicolo", cioè circa 8 milioni e mezzo di dollari dopo averla comprata per venticinque. Eppure il quattordici volte campione del mondo di wrestling, entrato di diritto nella WWE Hall of Fame nel 2005, non rimpiange niente e dichiara che, nonostante si trovi ora in affitto, «vivo comunque nell’abbondanza e sono felice e grato di quello che ho». Hogan era stato chiamato dal programma televisivo per promuovere il suo nuovo show, Hulk Hogan’s Micro Championship Wrstling in onda su TruTv dal 14 settembre scorso, che il piccolo wrestler Steve Richardson ha accusato di essere identico a quello creato già in passato da lui, l’Half-Pint Brawlers: in entrambi gli show, infatti, sono proprio dei nani a darsele di santa ragione, ma Johnny Greene, proprietario dello show di Hulk, è convinto che “Puppet” (questo il soprannome di Richardson) stia solo « cercando di salire sul carro del vincitore, perché il suo lavoro è in crisi». Recentemente Hulk Hogan ha dovuto anche difendersi pubblicamente dalle accuse che l’ex moglie Linda, da cui ha divorziato quattro anni fa, gli ha lanciato attraverso la sua personale biografia uscita da poco nelle librerie, in cui racconta di ventitré anni di matrimonio da incubo, tra soprusi, droga e abusi.


  PAG. SUCC. >