BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PESTICIDI/ Altroconsumo: nelle mense scolastiche livelli bassi, ma troppo frequenti

Pubblicazione:venerdì 9 settembre 2011 - Ultimo aggiornamento:venerdì 9 settembre 2011, 16.39

 Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

La quantità massima di una sostanza nociva che può essere assunta dipende dal peso della persona ed è calcolata in base a questo, quindi i bambini sono considerati a rischio perché il rapporto tra quantità di alimenti che ingeriscono e il peso corporeo è maggiore rispetto alla proporzione di un adulto. Inoltre i genitori sono anche spesso preoccupati di cosa mangiano i propri figli nelle scuole, quindi per questo abbiamo costruito l’inchiesta in questo modo». Emanuela Bianchi ci parla infine dei risultati arrivati dopo le analisi in laboratorio: «Il caso migliore è quello di Roma, dove non abbiamo trovato nessun tipo di pesticida, e penso che questo sia dovuto alla scelta dell’amministrazione di portare sulle tavole una quota importante di alimenti di natura biologica. Frutta e verdura si sono rivelati i piatti più a rischio, su cui abbiamo trovato la maggior parte delle sostanze, mentre nei primi piatti non abbiamo trovato in nessun caso residui di pesticidi. Il caso più eclatante è sicuramente quello di Genova, dove abbiamo trovato un pesticida il cui utilizzo non è neanche autorizzato nella Comunità europea, in entrambi i campioni di pane prelevati dalle due scuole. L’amministrazione, dopo aver comunicato questi dati, ha confermato che effettivamente il fornitore di pane per le due scuole era lo stesso. Molti residui presenti quindi nella frutta ma anche nel pane, in cui vengono usate delle sostanze che proteggono i cereali dopo la raccolta e che vengono spruzzate nei locali dove vengono conservati. Oltre il caso di Genova, tutti gli altri residui trovati non superano comunque i livelli massimi ammessi dalla legge, quindi in un certo senso è tutto in regola.

 

(Claudio Perlini)       



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.