BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MELANIA REA/ Salvatore Parolisi, chiesto il processo immediato. La Procura: è colpevole

La Procura ritiene Salvatore Parolisi ufficialmente colpevole dell'omicidio della moglie di  Melania Rea. E' stato chiesto il processo imemdiato senza udienza preliminare

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

Per la Procura di Teramo Salvatore Parolisi è colpevole dell'omicidio della moglie Melania Rea. Le indagini in questo senso, per gli inquirenti, possono considerarsi chiuse, non c'è bisogno di altri elementi per concludere quello che si sospetta da tempo sul caporal maggiore: è lui l'assassino. Da questo ragionamento parte la richiesta di tenere immediatamente un processo contro Parolisi. Svolta dunque nel caso? Dal punto di vista ufficiale certamente sì, anche se è da tempo che l'uomo, unico arrestato del caso, è circondato da sospetti sempre più precisi. Salvatore Parolisi si è sempre dichiarato innocente, ma le sue ricostruzioni di come si svolsero i fatti nei gironi in cui la moglie Melania venne dichiarata scomparsa per poi essere ritrovata cadavere solo dopo due giorni, cozzano con gli elementi raccolti dagli inquirenti. Anche il movente sarebbe ritenuto sufficiente per inchiodarlo: una relazione extraconiugale e l'impossibilità/incapacità di separarsi dalla moglie. Dunque rito immediato senza necessità di passare per l'udienza preliminare. Ieri pomeriggio il procuratore capo Ferretti ha dunque dichiarato chiusa l'inchiesta nei confronti dell'uomo. "Le prove, in questo caso un forte quadro indiziario, portano tutte a dimostrare la colpevolezza del caporalmaggiore. Il movente è da ricercarsi nella sua relazione extraconiugale con la soldatessa Ludovica" ha detto il procuratore. Adesso spetta al gip se accogliere la richiesta di processo immediato. Proprio nei giorni scorsi era stato rinviato un incontro deciso da tempo tra il Parolisi e la figlioletta Vittoria, sarebbe stato il primo incontro tra i due dopo l'arresto avvenuto lo scorso luglio. Invece, su opposizione dei nonni materni che hanno ottenuto l'affidamento della bimba, l'incontro è stato rinviato e si prospetta a questo punto non accada sicuramente in tempi brevi. Come si sa, Melania Rea sparì lo scorso 18 aprile per essere ritrovata uccisa a coltellate il 20. Parolisi sostiene che la coppia insieme alla figlia si era recata in un parco montano, ma non esiste nessuna prova documentata della loro effettiva presenza nel luogo.