BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRAGEDIA GIGLIO/ L’ingegnere navale: la dinamica fa pensare all’errore umano

Pubblicazione:domenica 15 gennaio 2012

La nave Costa Concordia (Infophoto) La nave Costa Concordia (Infophoto)

La cosa mi lascia perplesso. E’ possibile che la roccia non fosse segnalata, ma è altrettanto vero che la nave non avrebbe dovuto trovarsi nel punto in cui è avvenuto l’incidente. Le carte non segnalano mai il singolo spuntone, ma la profondità dei fondali. Lo spuntone si trovava abbastanza vicino al punto in cui la Costa Concordia si trova ora. Il fatto stesso che la nave si sia adagiata su un fianco, e non sia andata a fondo, significa che il fondale è molto basso, spuntone o non spuntone.

 

Secondo lei che cosa è avvenuto realmente?

 

O la nave si trovava nella modalità della guida manuale, e l’equipaggio ha commesso un errore umano, o viaggiava con la guida automatica e il sistema è andato in avaria. Di solito però il dispositivo di navigazione automatica avvisa quando c’è qualcosa che non funziona. Quindi nella seconda ipotesi chi sta in plancia si deve accorgere di quanto sta avvenendo. Anche quando è inserito il sistema automatico, deve infatti esserci sempre qualcuno a bordo che controlla dove la nave e qual è la sua posizione rispetto alla rotta prestabilita.

 

Quindi?

 

E’ possibile che la nave si sia avvicinata alla costa per qualche altro motivo. Per esempio per un’avaria di un altro tipo all’interno della nave. E’ stata ventilata anche l’ipotesi di un guasto all’impianto elettrico, e andrebbe verificato se questo fatto sia avvenuto contestualmente all’incidente o in precedenza, causando il cambiamento di rotta. Un black-out totale potrebbe avere convinto il comandante ad avvicinarsi alla costa. Immagino che la compagnia terrà il massimo riserbo su queste notizie, almeno fino all’avvio di un’inchiesta. Nessun passeggero segnala però un black-out prima dell’incidente. L’impianto elettrico del resto è ultra-ridondato, e i sistemi di sicurezza di queste navi ormai sono talmente elevati che è difficile che si verifichi un’ipotesi di questo tipo.

 

Qual è la strumentazione di bordo della Costa Concordia?

 

Oltre al sistema di posizionamento satellitare (Gps) analogo a quello che funziona sull’automobile, a bordo sono presenti anche diversi radar, la cui precisione è elevatissima. Il sistema di una nave quindi è in grado di accorgesi immediatamente quando si avvicina alla costa più del dovuto. Al momento dell’incidente la nave era così vicina all’isola del Giglio da farmi pensare che si sia trattato di un errore umano. Il fatto di trovarsi in quel punto era voluto intenzionalmente, non lo si può spiegare in altri modi.

 

Voluto intenzionalmente?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >