BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRAGEDIA CONCORDIA/ Bertolaso: “Un’app per iPhone da 2 euro poteva evitare un disastro con molti responsabili oltre Schettino..”

Pubblicazione:sabato 21 gennaio 2012

Il naufragio della Costa Concordia (InfoPhoto) Il naufragio della Costa Concordia (InfoPhoto)

Tragedia Concordia. Bertolaso: un'app per evitare disastro - Una app per iPhone da 2 euro avrebbe potuto evitare la tragedia del Concordia. Uno strumento alla portata di gente comune, senza esperienza dei mari, avrebbe potuto far sì che quella consuetudine ignobile dell’”inchino” non causasse morti, feriti, una notte da incubo per oltre 4000 persone. A scriverlo è una persona che sa bene cosa significhi l’emergenza, determinata da catastrofi naturali o dall’errore e stupidità umana. Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile, in una lettera al “Corriere della Sera” pubblicata oggi spiega che "Il segnale anticollisione (Ais) è disponibile anche sull'iPhone". Un sistema che conoscono tutti quelli che vanno per mare anche chi ha una semplice barca a vela:
'L'Ais, segnale anticollisione è disponibile anche sull'iPhone, grazie al programma 'marine traffic', costa 2 euro e dà tutte le indicazioni sulle navi in movimento, con rotta e velocità”. Da qui nasce l’interrogativo banale e insieme doloroso. “Perché nessuno ha controllato cosa faceva una nave con 4.000 anime a bordo?''. Per Bertolaso sulla tragedia della Costa Concordia si scrivono fiumi di notizie, ipotesi, illazioni, commenti, ma sono stati trascurati alcuni aspetti fondamentali: ''Sembra che il passare vicino alla costa  fosse abitudine, non un caso eccezionale, per questa e forse per altre navi di quelle caratteristiche e di quella stazza. Una notizia del genere rappresenta una denuncia ben più pesante delle accuse rivolte allo sprovveduto comandante della Costa''. Per questo, continua l’ex capo della protezione civile ora bisogna rintracciare molte altre responsabilità oltre a quella di Schettino: ''Chi sono, quanti sono, e dove sono coloro che sapevano di queste insane abitudini e non hanno detto nulla, non hanno preso provvedimenti, non hanno reagito richiamando i comandanti delle navi a regole di condotta sensate? Serviva un decreto legge  per impedire gli 'inchini'?''.
Bertolaso si esprime anche sulla gestione dei soccorsi che si sono mobilitati con “intensità e generosità  pur nel colpevole ritardo della segnalazione dell'emergenza”: è mancata tuttavia una coordinazione generale,  un’autorità che prendesse davvero in mano la situazione.


  PAG. SUCC. >