BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

J'ACCUSE/ Aborto "sicuro"? In 6 anni ha fatto 263 milioni di morti...

Fotolia Fotolia

Tra questi ci sono la pillola del quinto giorno, la RU486, oltre a vari strumenti anticoncezionali che hanno un effetto anche abortivo. Ciò riduce le interruzioni di gravidanza registrate in ospedale, ma non il numero di aborti complessivi. Un’altra perplessità legata alla ricerca è che non si capisce come faccia a essere così precisa nel calcolare la percentuale di aborti nei Paesi dove questa pratica è illegale. E’ difficile infatti che una persona racconti spontaneamente di avere compiuto un reato, perché rischia di finire in carcere. E’ un po’ come pretendere di compiere un sondaggio per scoprire quante persone evadono le tasse: è molto difficile che gli intervistati raccontino la verità. Per fare un esempio ancora più calzante, la ricerca di Oms e Guttmacher Institute assomiglia a quelle che affermano che il 10% dei neonati nasce da un uomo diverso dal marito della moglie. Questi dati evidentemente sono criticabili dal punto di vista scientifico.

Secondo la ricerca dal 1995 al 2003 gli aborti sono diminuiti, per poi stabilizzarsi. Quali sono i motivi di questa tendenza?

Questa tendenza si spiega appunto con l’introduzione della pillola abortiva, che provoca delle interruzioni di gravidanza che non sono registrate ufficialmente. Tra il 1995 e il 2003 c’è stato un ingresso massiccio di queste pillole sul mercato, che hanno fatto diminuire gli aborti chirurgici. Quindi negli anni successivi la situazione si è stabilizzata.

Per quale motivo l’Oms ha scelto di collaborare con istituzioni pro-aborto come il Guttmacher Institute?

Il ricercatore che fa bene il suo lavoro, deve per definizione essere neutrale e non avere conflitti d’interesse. Per me quindi uno studio serio può essere realizzato da una persona di qualsiasi religione, basta che sia onesta con i dati che trova. E’ questo che va verificato, non la posizione “politica” del Guttmacher Institute.

Esistono altre motivazioni per cui gli aborti potrebbero essere più elevati nei Paesi emergenti rispetto all’Occidentali?