BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

J'ACCUSE/ Aborto "sicuro"? In 6 anni ha fatto 263 milioni di morti...

Pubblicazione:

Fotolia  Fotolia

L’Oms definisce l’aborto una pratica sicura, e nello stesso tempo certifica che dal 2003 al 2008 nel mondo sono avvenute 43 milioni e 800mila interruzioni di gravidanza l’anno. “Sarà in parte sicura per la donna e per il partner, ma certo non per il figlio, dato che abbiamo avuto 263 milioni di aborti in sei anni”. Carlo Bellieni, neonatologo dell’Università di Siena, commenta così l’ultima ricerca pubblicata sulla rivista Lancet dall’Oms e dal Guttmacher Institute, un ente Usa pro-aborto. Dallo studio emerge che nei Paesi dove l’aborto è legale il numero di interruzioni di gravidanza sarebbe più basso rispetto a quelli dove questa pratica è penalmente perseguibile. Per Bellieni però “pretendere di calcolare in modo esatto il numero di aborti nei Paesi dove sono illegali, è un po’ come cercare di individuare quanti italiani evadono le tasse: qualsiasi ricerca di questo tipo ha serie lacune scientifiche. Inoltre in Occidente le statistiche sull’interruzione di gravidanza non tengono conto di quelle che le donne praticano a casa loro tramite la pillola abortiva”.

Proprio ieri nel frattempo Reuters Online ha anticipato un articolo realizzato da Gynuity Health Projects e pubblicato da Obstetrics & Gynecology, da cui risulta che il rischio di morte da aborto sarebbe inferiore rispetto a quello del rischio parto. Tra il 1998 e il 2005 sarebbe morta di parto una donna per ogni 11.000 bimbi nati vivi, mentre è morta per complicazioni dovute ad aborto chirurgico una donna ogni 167.000. Anche su questi dati abbiamo chiesto l'opinione del professor Bellieni.

L’Oms ha definito l’aborto “una pratica sicura”. E’ veramente così?

L’aborto sicuro non esiste. E non solo perché porta rischi per la psiche della donna, ma anche perché conduce alla morte del bambino. Quindi parlare di interruzione di gravidanza sicura è un controsenso, se per “sicuro” si intende che non provoca dei danni. Quantomeno, bisognerebbe prima chiedere a quell’essere vivente che cosa ne pensa.

Per quali motivi l’aborto presenta dei rischi per la psiche della donna?

A livello psichiatrico, sono diversi gli studi che dimostrano l’esistenza di rischi importanti per la psiche della donna che ha avuto un aborto volontario. E che sono decisamente superiori rispetto a quando una donna perde un bambino per un aborto spontaneo.

Che cosa ne pensa della tesi dell’Oms, secondo cui nei Paesi dove l’aborto è illegale le interruzioni di gravidanza sono più numerose?

La ricerca va sempre rispettata, ma questi dati sono inficiati dal fatto che nei Paesi occidentali non tutte le interruzioni di gravidanza sono registrate, in quanto molte di esse sono compiute attraverso interventi farmacologici a domicilio.

Quali in particolare?


  PAG. SUCC. >