BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

TERREMOTO BELLUNO/ Scossa di magnitudo 2.0 in Veneto, oggi, 6 gennaio

Una scossa di 2.0 gradi della scala Richter è stata registrata all'ora di pranzo di oggi 6 gennaio 2012 alle ore 13 e 18  in provincia di Belluno, in Veneto, a una profondità di 8,6 km

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

L'epicentro e la magnitudo del terremoto - Una scossa pari a 2.0 gradi della scala Richter è stata registrata all'ora di pranzo di oggi 6 gennaio 2012 alle ore 13 e 18  in provincia di Belluno, in Veneto. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e di vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8,6 chilometri  di profondità. La scossa fortunatamente non ha determinato danni a edifici o persone, ma è stata rilevata da più persone. Il rilevamento sismico è stato registrato nel distretto sismico delle Prealpi venete, e l'epicentro della scossa è stato rilevato alle coordinate 46.066°N, 12.122°E e a una profondità non così elevata di 8,6 chilometri. Il terremoto è stato localizzato con i dati di 19 stazioni della Rete Sismica Nazionale dell'INGV (quadrati). La localizzazione epicentrale riportata nella figura e' quella rivista dagli operatori della Sala Sismica dell'INGV e comunicata al Dipartimento di Protezione Civile subito dopo l'evento. I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicita' italiana. I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo. Effetti della scossa sono stati rilevati anche in provincia di Messina. Solo qualche mese fa era stata registrata una scossa praticamente identica, nelle province di Trento e Verona, registrata alle ore 08.22 di magnitudo 2.8 gradi della scala Richter. La scossa era stata registrata alle coordinate 45.704°N, 10.994°E e a una profondità di 9,3 chilometri. Anche in quel caso a individuarla erano stati i macchinari dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. L’ipocentro del terremoto era stato localizzato ad una profondità di 9,3 chilometri e la scossa era stata rilevata nel distretto sismico delle Prealpi venete, quindi come quella di oggi.

Comuni entro i 10 chilometri:

LIMANA (BL)
MEL (BL)
SANTA GIUSTINA (BL)
SEDICO (BL)
SOSPIROLO (BL)
TRICHIANA (BL)
CISON DI VALMARINO (TV)