BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

IMU E CHIESA/ Ecco perché far pagare una Onlus è da paese del terzo mondo

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Fu il Presidente del Consiglio che dichiarò in Commissione Bilancio del Senato l’esclusione dell’imposta per le scuole dell’infanzia paritarie parrocchiali, Fondazioni e Associazioni o comunque statutariamente senza fini di lucro, paritarie e che accolgono gli alunni senza discriminazioni. Un risposta che riguardava tutti gli enti non profit e senza fini di lucro.

La Presidenza del Consiglio stabilì, attraverso una aggiunta all’emendamento ricordato, che entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto, il Ministro dell’economia avrebbe emanato un decreto stabilendo le modalità e le procedure delle esenzioni Imu.

A settembre è emerso che il Governo attraverso la Presidenza del Consiglio aveva predisposto una bozza di regolamento rigettato poi dal Consiglio di Stato pochi giorni fa. Il problema è che con quella bozza, la gran parte di queste realtà avrebbero dovuto pagare l'Imu perchè si escludevano dalle agevolazioni tutte le non profit, escludendo la possibilità di svolgere qualsiasi attività commerciale, con la conseguenza di una chiusura della maggioranza di queste. In pratica veniva prevista l’esenzione solo per strutture nelle quali sia la proprietà che la gestione era di un ente ecclesiale, mentre per ogni altra forma si prevedeva il pagamento Imu. Inoltre sul concetto di attività commerciale si prevedeva, per esempio per le scuole, che l’esenzione era prevista solo se l'attività era svolta "a titolo gratuito, ovvero dietro versamento di rette di importo simbolico e tali da non coprire integralmente il costo effettivo del servizio". Titolo gratuito o importo simbolico? Se una scuola è gestita attraverso una cooperativa, magari di genitori, non deve chiedere la retta ma una cifra simbolica? E chi li paga gli insegnanti, la mensa, lo scuolabus?

A chi fa piacere chiudere una scuola, una mensa per i poveri, una casa di accoglienza per ragazze madri? Occorre che il Governo abbia chiaro che se è giusto fare chiarezza sul pagamento Imu deve essere altrettanto chiaro che chi non ha finalità di lucro, è una onlus, rispetta le leggi deve continuare a non pagare l'Imu. Così come non pagano l'Imu gli enti statali che si occupano delle stesse cose. Altrimenti si, siamo noi il terzo mondo.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/10/2012 - Pagare (Liberato Ruggiero)

Fate pagare IMU a tutti gli immobili e attività commerciali che si nascondono dietro alle ONLUS, di qualsiasi religione, credo politico, sindacale e volontariato. La vera organizzazione senza scopo di lucro sono le famiglie di milioni di lavoratori che devono fare i salti mortali per arrivare a fine mese.