BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

DDL ANTICORRUZIONE/ Ecco la riforma per uscire dalla guerra tra politici e pm

Il ministro della Giustizia Paola Severino (InfoPhoto)Il ministro della Giustizia Paola Severino (InfoPhoto)

Ebbene, è opportuno che colui che si assume il compito di rappresentare gli elettori, di governare e di legiferare, non abbia violato le leggi e sia stato ritenuto colpevole di un reato: la politica, per rendersi più credibile e rifondarsi, ha bisogno anche del segnale di questa nuova regola.

Preme, tuttavia, osservare che spesso le condanne penali intervengono a sanzionare condotte lievi, o che le condanne molto risalenti negli anni rimangono indelebilmente inscritte nel casellario giudiziale della persona: sarebbe, pertanto, ragionevole – senza ipotizzare troppe eccezioni – che si riacquistasse la candidabilità a fronte della riabilitazione (o estinzione del reato in caso di patteggiamento), che si può ottenere dopo un certo numero di anni dalla condanna, dall’esecuzione o estinzione della pena, con provvedimento dell’autorità giudiziaria che verifica che il condannato abbia dato prove effettive e costanti di buona condotta (artt. 178 e 179 del codice penale).       

© Riproduzione Riservata.