BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PIZZA/ La migliore d'Italia? Non è a Napoli, ma a Verona

Pubblicazione:mercoledì 17 ottobre 2012

Renato Bosco Renato Bosco

Girando sui blog, mi ha poi colpito leggere i commenti di Massimo Piccolo, scrittore e regista napoletano, autore di "90 passi nella gastronomia napoletana" (Neapolis Alma) che ha commentato "Lo schiaffo di Verona". E dice: "C'è poco da fare, la pizza ormai non è più solo napoletana. E anche in Italia, guide a parte, i consumatori non sono pronti a stracciarsi le vesti se gli viene servita una pizza croccante (tipo romana) o alta (tipo focaccia). Anzi, e la questione dell'affronto di Verona sembra esserne un ottimo esempio, la tendenza per la pizza "gourmet" (quella che cerca di coniugare la pizza con l'alta cucina) sta facendo sempre maggiori proseliti".

Dice ancora Piccolo a Repubblica: “Nel lungo tour che ho compiuto lo scorso anno per il mio piccolo viaggio gastronomico, il momento più sconcertante è stato trovarmi nelle storiche pizzerie napoletane dove quasi mai mi è successo di poter mangiare una vera pizza da disciplinare: una aveva il cornicione basso (deve essere alto 12 centimetri), un'altra l'aveva croccante (deve essere fragrante), una non l'aveva per niente, un'altra aveva di croccante il centro (deve essere morbido ed elastico), una metteva il pecorino, l'altra il parmigiano, una la mozzarella di bufala... e allora mi chiedo, fino a quando le cose staranno così, come potrà il pur volenteroso gastronomo veronese in gita a Napoli apprezzare la grande differenza tra una vera e nobile pizza napoletana e una semplice "tre spicchi" della guida?”.

La morale di tutto questo bailamme è dunque che il re è nudo. Io credo che Napoli debba ringraziare per questo schiaffo, perchè può rappresentare la messa in moto di un nuovo processo virtuoso: anche Napoli è in gara, come tutte le cose che hanno a che fare con il mercato.

Una grande pizza non è tale solo per il luogo dove viene prodotta: necessita di materie prime selezionate, di cura dei particolari, di lievitazioni pazienti, insomma di amore non solo a parole. Che sia questa la vera innovazione?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
15/03/2014 - Mi scusi, (Paola Conca)

ma lei ha mai mangiato la pizza da Brandi???? Pizze come quelle non le si trovano in giro tanto facilmente!