BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Perché Mani Pulite non ha evitato la nuova tangentopoli?

Pubblicazione:giovedì 18 ottobre 2012

L'aula di un tribunale (Foto: Infophoto) L'aula di un tribunale (Foto: Infophoto)

Le ultime settimane hanno scoperchiato tante vergogne, e all’orizzonte già s’intravede una nuova bufera mediatico-giudiziaria, degna dei primi anni novanta. Una nuova ondata di scandali ha percorso l’Italia da Reggio Calabria alla Lombardia, alimentando la rabbia di un paese colpito da una regressione culturale che, ormai da anni, immobilizza e divide la società. Non è più possibile sedare il fenomeno corrosivo che sta emergendo, senza prendere atto della sua gravità, sebbene un’analisi sociopolitica non sia abbastanza: è insufficiente individuare la radice dei problemi o, almeno, alcuni attori che recitano nel teatro dell’assurdo italiano, senza che gli appigli con cui riemergere dall’apnea culturale non siano posti al centro della discussione pubblica. Si perde troppo tempo per salire sulla giostra mediatica che ha illuminato il marcio, dove si rincorrono i più disparati spettacoli circensi, inseguendo una seconda tangentopoli. Fosse anche tutto vero, ancora una volta l’attenzione è occupata dagli scandali, più che dalle prospettive di rinnovamento del paese.
Intanto, per condire il circo della mala società, si rivangano l’alpha e l’omega, dal dibattito sull’autonomia regionale in forza di un nuovo centralismo – con annesse chiose sulla questione meridionale –, alla perpetua cantilena sullo stato di moralità del paese, scritta e diretta da chi continua a inventare – con nostalgia – un paradiso terrestre mai visto. Intanto molti continuano a lanciare pietre con le mani pulite, sventolando il fantasma di Mani pulite. Si dovrebbe fare attenzione quando si evocano i fantasmi, soprattutto quelli di tangentopoli: chi ha potuto vivere quegli anni sapendo cosa stava succedendo, ha già dei figli che lo guardano e osservano il mondo, per imparare il mestiere di vivere. E alla luce dei risultati, i genitori potrebbero riflettere se una nuova tempesta di odio sia la giusta lectio da mostrare ai propri figli, chiamati a costruire l’Italia che verrà.
Oggi la bestia del populismo è più radicata che mai e la società sembra non aver colto il valore di una storia come Mani pulite, che avrebbe dovuto insegnare all’opinione pubblica (e alla classe dirigente) che le tifoserie da contrada non c’azzeccano con il rinnovamento di un paese civile. E non è un caso che l’illusione della piazza pulita abbia registrato presto pesanti sconfitte: durante tangentopoli furono inquisite quasi 3000 persone in due anni, molti processi sono caduti in prescrizione e un terzo degli indagati è stato condannato. Così non è stato, però, per l’arretratezza del sistema della giustizia e per l’abuso di alcuni metodi d’indagine, fra i quali la carcerazione preventiva, ormai strumento pedissequo di pressione e di persuasione.
La favola dell’inchiesta che doveva cambiare l’Italia è stata perpetrata nel tempo, che ha svelato la debacle della campagna legalitaria nata e alimentatasi da Mani pulite: la lezione non è servita, mentre la gioventù a imparato a dare credito agli strilloni populisti. Anche la Corte dei Conti, nelle relazioni presentate quest’anno, ha dimostrato l’involuzione della legalità e l’ininfluenza di tangentopoli: la corruzione si attesta sui 60 miliardi di euro e l’evasione fiscale ha raggiunto un valore che si avvicina al 18% del pil.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
18/10/2012 - Osserviamo i segni (Daniele Scrignaro)

«Distrutte le mura del palazzo dei ladri, arriverà comunque il momento in cui scegliere da dove partire per edificare un paese», sì, ma non darei per scontato che prima del «da dove» dovremo scegliere «da chi». Quelli passati, non sono stati anzitutto anni di mal governo inteso come errori strategici o favoreggiamenti, è accaduto che sia stata scelta una modalità – il partito “azienda”, rappresentanze nominate – intrinsecamente “marcia”, corrompibile per la sua stessa natura. Il problema è morale, di dignità. Siccome chi è entrato nel gioco e vuole restarci lo sa bene, assisteremo e abbiamo assistito a proclami che additano lo spettacolo immorale che buona parte della politica sta dando, elencano intendimenti di contrastare iniqui provvedimenti della legge di stabilità, etc., sperando che questo basti a far dimenticare senza neppure chiedere scusa i propri comportamenti ignobili e i silenzi su scelte contro il bene comune (invece evocato a parole). Però non viene detto, ad esempio, dove andare a prendere i soldi per tornare i conti. Come si può dar credito? Luigi Giussani suggerisce: «Quando uno deve credere in un altro? Quando quest'altro sa quel che dice e non vuole ingannare» e «Posso raggiungere certezza sulla sincerità e sulla capacità di una persona proprio attraverso il procedimento della certezza morale» («un complesso di indizi il cui unico senso adeguato, il cui unico motivo adeguato, la cui unica lettura ragionevole è quella certezza»).