BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRITTI TV MEDIASET/ La sentenza: Berlusconi condannato a 4 anni, assolto Confalonieri

Silvio Berlusconi è stato condannato a quattro anni e tre anni di interdizione dai pubblici uffici. Assolto invece Silvio Conbfalonieri. Si tratta del processo per i diritti tv Mediaset

Foto Infophoto Foto Infophoto

Processo per i cosiddetti diritti televisivi Mediaset, un procedimento in ballo da circa sei anni. E' giunta oggi la prima sentenza in merito e vede la condanna di Silvio Berlusconi a quattro anni di detenzione. Si tratta dell'accusa di irregolarità commesse per la compravendita di diritti televisivi. La sentenza riguarda appuro l'ex capo del governo, ma tra gli imputati ci sono anche Fedele Confalonieri, il fondatore di Arner Bank, Paolo Del Bue, e il produttore statunitense, Frank Agrama. Berlusconi e Confalonieri erano accusati di frode fiscale e falso in bilancio. Secondo le accuse avrebbero cioè gonfiato appositamente i pagamenti per acquistare i diritti di alcuni film prodotti negli Stati Uniti. Per far ciò, avrebbero dato vita a transazioni finanziarie le quali venivano effettuate tramite società off short. In tal modo, sostiene sempre l'accusa, venivano creati fondi neri che permettevano di evadere il fisco e di frodare i propri azionisti. Non è finita, perché in tale quadro le società off short cedevano i diritti a società gemelle con prezzi che aumentavano a ogni singolo passaggio. Gli acquisti di dritti televisivi interessa una somma pari a 470 milioni di euro, pagamenti effettuati tra il 1994 e il 1999. Nel caso sono implicate le società Principal Network Communication e la Principal Network e altri intermediari e distributori quali ad esempio l'Agrama. L'accusa aveva chiesto tre anni e otto mesi per Silvio Berlusconi (gliene sono stati dati quattro) e tre anni e quattro mesi per Confalonieri, il quale è stato invece assolto. Berlusconi è stato anche interdetto dai pubblici uffici per un periodo di tre anni. Berlusconi dovrà anche pagare una somma per adesso provvisoria di dieci milioni di euro all'agenzia delle entrate. Condannato a tre anni anche il produttore americano Frank Agrama. Con queste sentenze si chiude il primo grado di giudizio. Ieri si era invece tenuto il processo parallelo sul caso Mediatrade dove sia Berlusconi che Confalonieri erano stati prosciolti in udienza preliminare. Sul banco degli imputati anche il figlio Pier Silvio Berlusconi.