BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RAPIMENTO SPINELLI/ Il ragioniere di Berlusconi, svolta con alcuni arresti

E' giallo sul caso del rapimento lampo del ragioniere Giuseppe Spinelli, collaboratore di Silvio Berlusconi, che lo scorso 15 ottobre fu vittima di un rapimento lampo

Foto Infophoto Foto Infophoto

E' giallo sul caso del rapimento lampo del ragioniere Giuseppe Spinelli, collaboratore di Silvio Berlusconi, che lo scorso 15 ottobre fu vittima di un rapimento lampo durato un pomeriggio e una notte. Alcuni personaggi misteriosi si introdussero nel suo appartamento, lo immobilizzarono con la moglie e lo liberarono la mattina successiva sembra dopo l'intervento della scorta personale di Berlusconi mentre la procura di mIlano veniva allertata. Cosa volevano? Spinelli è il ragioniere dell'ex premier, secondo alcune indagini l'uomo incaricato di pagare personalmente le ragazze cosiddette dell'Oggettina, coinvolte alcune nello scandalo dei festini ad Arcore, e incaricato anche di altri pagamenti. Secondo quanto risulta dalle indagini gli uomini introdottisi nell'appartamento del ragioniere avevano chiesto 35 milioni di euro in cambio di alcuni documenti relativi al Lodo Mondadori, il famoso caso che vide coinvolti Berlusconi e De Benedetti per l'acquisto della casa editrice. Adesso arrivano alcuni arresti relativi al rapimento: sarebbero coinvolti tre albanesi e tre italiani. Si arriva a questi arresti grazie ad alcuni dettagli raccolti dallo Spinelli, da telecamere di sorveglianza dell'abitazione che individuarono personaggi fermi davanti alla casa nei giorni precedenti ed altro. A organizzare il tutto sarebbe stato tale Francesco Leone, un ex pentito barese appartenente al clan Parisi. A quanto pare l'uomo sarebbe stato in grado di fornire materiale informatico a proposito di Carlo De Benedetti e di tutto il caso Lodo Mondadori. Spinelli doveva far da tramite con Berlusconi, spiegargli perché quel materiale potesse essere importante per lui e quindi convincerlo a pagare l'enorme somma. Non andò in porta per qualche motivo tutto da chiarire, Spinelli fu liberato e adesso gli arresti. Dai quali forse si otterrà maggior chiarezza sul caso: un bluff per estorcere soldi all'ex premier? E se invece il materiale esiste davvero, cosa ha di tanto importante da offrire a Berlusconi? L'operazione della polizia in tanto è ancora in corso, ci sono decine di perquisizioni in atto e altri fermi, ci si aspetta altri arresti. Nessun commento è ancora arrivato da parte di Silvio Berlusconi.