BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

COLLETTA ALIMENTARE/ I detenuti Tarek e Nicola: un modo per sentirci utili e aiutare chi ha bisogno

La Giornata nazionale della Colletta AlimentareLa Giornata nazionale della Colletta Alimentare

Dopo il lavoro rientro a casa e posso vivere le gioie della famiglia, ho detto un “mezzo detenuto” perché ahimè alle ore 22,30 ancora sento alle mie spalle rumori di chiavi e cancelli che si chiudono al mondo e si aprono su una realtà carceraria, che spinge ogni uomo a tirare fuori il peggio di sé. La mia esperienza a questo evento per me è una vittoria, perché sono riuscito ad adeguarmi e comprendere le regole della mia nuova vita. Quest’ opera di volontariato mi porta a comprendere una realtà diversa che avevo perso di vista.

E’ doveroso non dimenticare coloro che lavorano per la nostra riabilitazione, io porto nel cuore l’immagine di una donna adibita a ciò, la quale ha puntato tanto su di me, grazie, mi impegnerò ancora per non deluderla.

Si può cambiare, bisogna volerlo.

Nicola Paradiso

© Riproduzione Riservata.