BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PAPA/ Il realismo di Benedetto mette in scacco Onu e Oms

Pubblicazione:giovedì 29 novembre 2012

Benedetto XVI (InfoPhoto) Benedetto XVI (InfoPhoto)

Già nella sua conversazione con Peter Seewald, diventata poi il fortunato Luce del mondo, Benedetto XVI non si sottraeva alle provocazioni del giornalista tedesco su profilattici e dintorni, per spiegare che nessun altro come la Chiesa si prendeva cura dei malati di Aids, e che soprattutto la sua posizione, definita irrealistica ed inefficace per il no al preservativo, sulla prevenzione del virus, era quella più ragionevole. Non solo, suffragata e certificata da statistiche. Qualcuno osò persino scandalizzarsi per un pontefice che parlava apertamente di condom, ma Benedetto XVI nel volume in cui affrontava ogni genere di questione, spiegò con estrema lucidità che l’Aids non poteva essere ridotto nella sua gravità all’uso o meno di un profilattico e che la “banalizzazione della sessualità” rappresentava proprio la “pericolosa ragione per cui tante e tante persone nella sessualità non vedono più l’espressione del loro amore, ma soltanto una sorta di droga”.

Insomma per vincere l’infezione Hiv, diceva, è necessaria un’umanizzazione della sessualità. Era il 2010 e qualcuno oggi, dati alla mano, può smentirlo? Non certo chi, come il governo ugandese, ha puntato su sessualità responsabile, astinenza e fedeltà per contenere il contagio, realizzando uno degli obiettivi più importanti, l’inversione degli indici d’incidenza dell’Hiv nel paese. Benedetto XVI guardava lontano.

Più lontano di Nazioni Unite e Oms che si sono dovute piegare alla teoria Abc (Abstinence - Be Faithful -Condom) dove il preservativo è l’ultima arma di contrasto quando mancano gli altri due elementi. Il Papa scommette sempre sulla persona, sul primato educativo, sull’accompagnamento responsabile e solidale. Non vieta, promuove. Eppure c’è chi si ostina a voler cogliere solo posizioni retrograde, divieti e folli crociate. Speriamo che non ci si aggrappi al trito e ritrito stereotipo di una chiesa ossessionata dal preservativo per oscurare un appello che chiunque abbia cervello e buon cuore dovrebbe condividere e appoggiare.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.