BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Cronaca

VICENZA/ Attori di una fiction poliziesca sventano un furto vero

Nella notte di Halloween tre malviventi avevano tentato di svaligiare un negozio della catena Cash and Carry di Vicenza.  Con la loro automobile avevano sfondato l’entrata

InfophotoInfophoto

A volte i confini tra la realtà e le sue rappresentazioni si confondono al punto da non riuscire più a distinguere dove inizia l’una e finiscono le altre. E’ quanto è accaduto, come riporta il Corriere della Sera, a Vicenza. Dove i protagonisti di una fiction poliziesca hanno sventato una rapina vera. Nella notte di Halloween tre malviventi avevano tentato di svaligiare un negozio della catena Cash and Carry. Con la loro automobile, sul sedile posteriore della quale si trovava un’arma giocattolo, ma dalla sembianze reali, avevano sventrato l’entrata e si accingevano a ripulirlo. Sul posto, tuttavia, si trovavano i protagonisti della serie televisiva in onda sulla tv padovana, Cafè tv 24; ovvero, il commissario Maretti (alias Giuliano Mozzato), la ballerina marocchina Ihlal, Mauro Cicciarello, che interpreta nella fiction l’agente scelto, e il regista Filippo Marin. Il cast stava girando diverse località del Veneto per registrare alcune puntate, mentre i tre avevano trascorso la serata in un locale, e si erano fermati per fare rifornimento, a quanto ha raccontato lo stesso Giuliano Mozzato. «Abbiamo sentito il rumore dell’auto scagliata contro la saracinesca e Mauro, che era sceso per fare benzina, è corso da noi tutto eccitato, dicendo che stavano facendo una rapina e che dovevamo intervenire», ha aggiunto. Cicciarello, del resto, in passato era stato una guardia giurata e si era messo in testa che i ladri andassero inseguiti. Al che, Mozzato ha cercato di calmarlo, facendogli presente che con loro c’era anche una ragazza e che non sapevano se i malfattori fossero armati. Il gruppetto, quindi, ha cercato di chiamare i carabinieri. Gli attori, nel frattempo, hanno provato a spaventare i ladri, fingendosi poliziotti veri e urlando frasi come: «Ora li prendiamo!» e «Forza, circondiamoli!». Uno dei tre, tuttavia, si è avvicinato loro con fare minaccioso, scaraventando il coperchio di un cassonetto. Per fortuna, pochi istanti dopo, è giunta sul posto la vigilanza privata. La guardia giurata ha esploso un colpo in aria, facendo desistere i delinquenti da eventuali intenzioni bellicose. I tre sono fuggiti senza riuscire a portare via nulla.