BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

NATALE 2012/ Tra crisi e spread, che cos'è oggi questa festività?

L'albero di Natale L'albero di Natale

 Lui è titolare del negozio Davide Cose buone (e buone lo sono per davvero), ma soprattutto lui è padre di un bambino affetto di una rara patologia, l'epidermolisi bollosa che necessita cure delicatissime. E proprio per la fragilità di queste creature, il nome della patologia, di cui è affetto un bimbo su 85mila, è quello “della farfalla”.

Davide non si è però perso d'animo e sulla sua esperienza ha scritto un libro bellissimo, Il sorriso di una farfalla, venduto in un cofanetto insieme a un libro di ricette ideate appositamente per bambini da prestigiosi chef. È un libro da leggere tutto d'un fiato e parla della forza misteriosa che trasmette il sorriso di un bimbo di pochi mesi che, nonostante l'inconsapevole malattia, vuole partecipare con passione alla vita. Ecco il senso del Natale di oggi: partecipare alla vita, a quello cui siamo chiamati, ognuno al suo posto. Non è fantastico tutto questo? Un piatto ben cucinato contiene la forza evocatrice di questo. Si mangia insieme a Natale, come la scena evocatrice del presepe con il bimbo nella mangiatoia, che è come il Giovannino di Davive che sorride, inerme e fragile, una presenza che apre a nuovi significati, che sconvolge la vita e riaccende il desiderio dell'avventura umana, Adesso, come il titolo del mio libro che amo di più; come il giornale di don Mazzolari, che abitava anche lui queste lande della Pianura Padana. E così è Letizia Maria, la figlia dei miei amici Alberto e Paola, che parla con la sua semplice presenza. E noi, ciascuno di noi, siamo presenti: è questa la contemporaneità che dovremmo portare al te Deum l'ultimo dì dell'anno, con la semplicità dei pastori, presi dalla loro solita quotidianità, ma inondati da qualcosa di eccezionale. O come il semplice twitt di Francesca di stamane: “Fino a quando ci sarà il Monviso, ci sarai Tu”.

© Riproduzione Riservata.