BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ANGELA CELENTANO/ Il legale della famiglia: vicini a una svolta, tra poco conosceremo la verità

A breve si conoscerà la verità sulla sparizione di Angela Celentano, avvenuta 16 anni fa nel Napoletano. A riferirlo è il legale della famiglia, Luigi Ferrandino. I dettagli del caso

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

A breve si conoscerà la verità sulla sparizione di Angela Celentano, avvenuta 16 anni fa nel Napoletano. A riferirlo è il legale della famiglia, Luigi Ferrandino, secondo cui “ormai siamo vicini a una svolta, presto sapremo la verità". L’avvocato ha quindi spiegato che “siamo a una svolta nel senso che a breve sapremo se la segnalazione arrivata dal Messico, da una ragazza che si è definita Angela, sia veritiera o meno". Le speranze della famiglia Celentano si sono infatti riaccese il 24 maggio del 2010, giorno in cui dal Messico arriva un messaggio di posta elettronica da una ragazza che si firma Celeste Ruiz: “Ti invio la mia foto, questa sono io, quasi non mi ricordavo più di voi, sto bene, non cercatemi”, scrive la giovane. L’immagine allegata, come faranno poi sapere diversi esperti, è compatibile con le foto di Angela da bambina. Le conversazioni con la famiglia Celentano si protraggono per circa un anno e mezzo quando a un certo punto Catello, il papà di Angela, decide di rivolgersi agli investigatori chiedendo anche aiuto all’avvocato Luigi Ferrandino, il quale oggi dice: “Manca poco e finalmente sapremo se dice la verità o se, invece, ha gabbato tutti”, riferendosi a quella ragazza che si firma Celeste e che dice di essere Angela. “Direi che ormai ci siamo - conclude il legale dei Celentano - o dentro o fuori. A breve sapremo se la storia di Celeste è vera o se è stata solo un bluff”. Una volta contattati dalla famiglia Celentano, gli investigatori si mettono al lavoro e, tramite il codice (IP) del computer attraverso cui Celeste ha inviato le mail, riescono ad arrivare ad Acapulco. La pista porta fino all’abitazione di un funzionario del palazzo di giustizia dello Stato di Guerrero: il suo nome è Cristino Ruiz ed è il padre di Celeste. Una volta venuta a conoscenza delle indagini, Celeste taglia ogni rapporto con l’Italia e smette di scrivere. Siamo nel novembre del 2011 e ancora non si è riusciti a giungere alla verità.