BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IMMIGRAZIONE/ L’esperto: altro che Libia e Vicenza. Perché nessuno condanna la Francia?

Infophoto Infophoto

Quello che però si è letto, cercando di evitare paragoni con episodi di tanti anni fa, è la storia di una signora marocchina che, a causa di ripetuti furti e diversi episodi di inciviltà e mancanza di rispetto, ha deciso di mettere quel cartello. Un episodio come detto grave, certo, ma credo che abbiamo di fronte una donna immigrata, che si è rimboccata le maniche e che lo sta facendo tuttora, e che si sta dando da fare per conquistarsi un posto in un Paese che non è quello da cui proviene. E mentre cerca di migliorare la sua condizione nel nostro Paese, si trova a dover affrontare persone che invece non rispettano quelle regole fondamentali che lei stessa ha accettato. Che siano “zingari”, come li chiama lei, bianchi, neri, italiani e non, del Nord o del Sud, non cambia assolutamente niente: nessuno vorrebbe avere a che fare con chi si comporta in modo maleducato, chi non rispetta le regole e con chi non rispetta le altre persone. La debolezza della ragazza marocchina, in questo sistema che guarda la forma e non la sostanza, è l’aver scritto “zingari” sul cartello, che rende questo episodio un esempio inconcepibile di intolleranza, ma non è così».

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
24/02/2012 - Tutto vero, ma… (Daniele Scrignaro)

Ma non è utile minimizzare e tirare in ballo colpe altrui. Che la Spagna abbia eretto reti e sparato verso gli immigranti e la Francia li abbia ricacciati al valico, nulla toglie agli altrettanto indebiti respingimenti in mare dell’Italia. E alle vesti stracciate da elefante nell’occhio di tanto giornalismo nostrano sempre dalla parte dei deboli (quelli di moda, però, mai dalla parte dei concepiti non nati, o dei bimbi parcheggiati alla tv, etc.) quello sì colpevole di scalpori smodati – forse, “interessati”. Perché quel garantismo “democratico, …” non racconta con altrettanta dovizia che una quota non propriamente fisiologica dei migranti di alcuni paesi (tra quelli recenti nell’Unione e della Primavera araba) è costituita da “fuorusciti” anzitempo dalle carceri, che ci troviamo liberamente in giro?